Caroline Ciavaldini, la sua vita da climber e l’ascesa alla Voie Petit – video

(Credits: North Face / Youtube)

Caroline Ciavaldini è una delle migliori climber del mondo, l’abbiamo conosciuta a Kalymnos, dove nel 2014 ha vinto la competizione del Climbing Festival di North Face (guarda qui la videointervista Caroline Ciavaldini, vita da climber). Ora Caroline racconta la sua storia in un minifilm intitolato Shifting Dreams (e prodotto da The North Face in collaborazione con La Sportiva).

> Leggi anche: Come nasce la passione per il climbing

Nel mondo selvaggio

Sono 32 minuti in cui scopriamo cosa significhi portare avanti una passione e inseguire i propri sogni. Nella chiave emotional comune a tanti video che circolano sul web, c’è tutto: dalla sua infanzia nella selvaggia e remote isola di La Reunion alle arrampicate un po’ dappertutto muovendosi in van e dormendoci dentro ai piedi delle rocce, ai trofei, al legame con il climber inglese James Pearson.

> Leggi anche: Appesi in parete: climbing per principianti (video)

Voie Petit, ultima impresa

Il documentario ruota attorno all’ascesa della Voie Petit, una via libera molto difficile sul Grand Capucin a 3500 metri sul Monte Bianco, l’ultima e forse la più importante finora delle sfide della Ciavaldini. Ascoltatela ansimare appesa in parete nei passaggi più faticosi e guardatele le mani a fine ascesa.

> Leggi anche: Arrampicata in falesia: come e perché iniziare

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *