La bici che purifica l’aria può salvarci dallo smog

La Smog Free Bike di Dan Roosegaard in Cina

Una bici che purifica l’aria della città. È l’idea di un designer olandese, che ha realizzato un prototipo che spinge ancora più in là la natura green della bicicletta. Si tratta di una semplice bici, chiamata Smog Free Bike, in cui pedalando si attiva un filtro purificatore che risucchia lo smog.

> Leggi anche: Come cambierebbe il mondo se tutti avessimo una bici elettrica?

Il progetto Smog Free

Il designer si chiama Dan Roosegaarde e ha presentato la sua idea come parte del progetto Smog Free, di cui fanno parte ad esempio anche le smart highway e le torri di Rotterdam che puliscono l’aria dallo smog.
Il progetto è partito 4 anni fa e nel 2015 ha ricevuto finanziamenti grazie a una campagna su Kickstarter, cosa che ha permesso di realizzare due prototipi. Il meccanismo è semplice: sul telaio della bici è installato un purificatore d’aria simile a quelli degli ospedali (ma in dimensioni ridotte): la forza impressa sui pedali permette di azionare il sistema, che attira le particelle di smog e restituisce aria pulita, creando delle specie di vortici intorno al ciclista.

> Leggi anche: Come appoggiare i piedi su pedali della bicicletta

In bici contro lo smog

Il principio è quello di incentivare l’uso della bici in ambienti urbani e allo stesso tempo combattere l’inquinamento, rendendola uno strumento di libertà e impegno ambientale. Roosegaarde è convinto che a trarne grandi benefici potrebbero essere paesi come l’Olanda e la Cina, dove l’utilizzo della bici come mezzo di trasporto è molto elevato. E infatti dalla Cina pare si sia registrato un grande interesse verso il progetto della Smog Free Bike: si sta ragionando sull’acquisizione del mezzo per creare flotte di bici da gestire in bike sharing pe alleggerire il traffico e combattere l’inquinamento.

> Leggi anche: Il bellissimo post di Paolo Kessisoglu sul perché andare in bicicletta ha a che fare con la libertà e la felicità

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *