Nel 2018 la dieta ‘top’ è quella mediterranea

dieta_mediterranea_0

Perdere peso, stare bene con se’ stessi e seguire una dieta più sana rimane l’obiettivo primario condiviso da milioni di persone e lo è anche per questo 2018, ma come sempre è un percorso non facile soprattutto per l’ampia offerta di diete che ogni giorno ci vengono proposte. Per mettere ordine a questa abbondanza di consigli alimentari la rivista statunitense U.S. News & World Report’s  ha cercato di selezionare, grazie ad un gruppo di esperti, i migliori programmi di alimentazione e in vetta a questa speciale classifica troviamo la dieta mediterranea.

>>Leggi anche: Dieta mediterranea, una sicurezza contro le malattie cardiovascolari

Dieta mediterranea e Dash sono le migliori

Gli esperti, dopo un’attenta ricerca e selezione, hanno individuato 40 diete, divise in nove categorie, in base alla facilità di attuazione, le probabilità di perdere peso a breve e lungo termine, l’efficacia anche nei confronti di disturbi cardiovascolari e diabete. La migliore di queste diete risulta essere quella mediterranea, che in verità condivide il primo gradino del podio con la dieta Dash.

>>Leggi anche: Benessere cardiovascolare: lo sport fa bene come la dieta

dieta_2Dieta mediterranea, bene protetto dall’Unesco

La dieta mediterranea è un modello nutrizionale ispirato ai modelli alimentari diffusi in alcuni paesi del bacino mediterraneo (Italia, Spagna, Grecia e Marocco) e nel 2010 è stata riconosciuta dall’UNESCO bene protetto nella lista dei patrimoni orali e immateriali dell’umanità. Si basa su alimenti consumati in una proporzione che privilegia cereali, frutta, verdura, semi, olio di oliva come grasso principale, un moderato consumo di carni rosse e grassi animali (grassi saturi), al quale abbinare pesce, carne bianca (pollame), legumi, uova, latticini, vino rosso, dolci.

>>Leggi anche: Chi mangia secondo la dieta mediterranea vive più a lungo

Dash, dieta a difesa dell’ipertensione

La dieta Dash è un regime alimentare sviluppato dall’ US National Institutes of Health per aiutare le persone che soffrono di ipertensione e infatti il nome è un acronimvo dell’inglese Dietary Approaches to Stop Hypertension. Si tratta di un percorso alimentare che riduce l’assunzione giornaliera di sale e dove frutta, verdura e proteine ​​equilibrate sono la base prevalente su cui si basano le sue ricette e i suoi menù settimanali. Uno schema alimentare che non è poi tanto diverso da quello della dieta mediterranea. Un ottimo modo per perdere peso, ma che consente di limitare il più possibile la quantità di sale, di grassi saturi e colesterolo, che costituiscono un vero e proprio pericolo per il nostro cuore.

>>Leggi anche: Ipertensione, i 3 principi per un’alimentazione sana che abbassi la pressione

Dieta flexitariana, vegetariana ma non troppo

Alle spalle di dieta mediterranea e Dash si pone la dieta flexitariana, che può essere anche definita “quasi vegetariana” perché molto flessibile (altro nome con la quale viene individuata). Un modello che si basa sulla dieta vegetariana con la possibilità di consumare anche prodotti di origine animale come frutti di mare, pesce e carne bianca.

>>Leggi anche: 5 fonti vegetariane di proteine

dieta_flexitarianaWeight Watchers, una dieta anni Sessanta sempre valida

Sempre attuale anche se storicamente nata negli anni Sessanta del secolo scorso è la dieta Weight Watchers, un programma alimentare ideato da una casalinga neworkese, Jean Nidetch, ma diventato poi un fenomeno internazionale. La dieta prevede l’assegnazione di un valore a ogni alimento e bevanda in funzione della sua capacità nutrizionale (quantità più alte di grassi saturi e zuccheri aumentano questo valore, maggiori quantità di proteine riducono il valore). Un sistema, quello della dieta a punti, che consente alle persone di prendere le migliori decisioni di fronte ad ogni pasto.

>>Leggi anche: La dieta di Okinawa ovvero cosa mangiare per vivere a lungo

Una dieta per ogni necessità

Lo scopo della ricerca effettuata dalla rivista statunitense è stato quello di verificare una serie di proposte alimentari che oltre a far perdere peso tenessero anche contro dei benefici dal punto di vista della salute. Un supporto a chi voglia individuare una dieta adeguata alle proprie specifiche necessità. “In ultima analisi la miglior dieta è quella che può essere adottata, gestita e mantenuta nel tempo”, ha dichiarato David Katz, direttore del Centro di Ricerca e Prevenzione dell’Università di Yale e che ha fatto parte del gruppo di esperti che ha contribuito alla costruzione di questa speciale classifica delle diete.

>>Leggi anche: La dieta per la pelle sana e bella

Consigli di lettura

Per saperne un po’ di più sulle principali diete, partendo da quella mediterranea con il libro di Ancel e Margaret Keys, “La dieta mediterranea. Come mangiare bene e stare bene”.  Sulla dieta Dash interessante è la pubblicazione “Dieta Dash: come porre fine alla pressione alta” di Dieter Mann.

 

 

[photo credits: fitnesstogether.com, biotrendies.it, pixabay.com]

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *