L’Eroica, la caduta di Gimondi e perché questa corsa in bici è passata da 78 a 7mila partecipanti

eroica_00

A proposito dell’Eroica, la corsa ciclistica che da ventuno edizioni, a inizio ottobre, convoca ciclisti d’epoca a Gaiole in Chianti. L’ultima edizione, domenica 1 ottobre, è stata un successo clamoroso, con 7 mila partecipanti,, fra cui anche Felice Gimondi, che alla bella età di 75 anni, a 6 km dall’arrivo, è scivolato sul terreno bagnato con il risultato di una microfrattura alla spalla e contusioni varie. L’Eroica è una corsa che al suo interno ha mille storie: vale la pena raccontare come è nata e come si è evoluta per capire perché sta diventando una delle granfondo più amate.

La prima Eroica

Debuttò con 78 indomiti pronti a celebrare gli “sterri” del Senese a bordo di bici che facevano tenerezza e un filo di commozione: mezzi di oltre 50 anni guidate da signori – allora sì, una prova di genere, coniugata soltanto al maschile – vestiti come se il tempo si fosse fermato. In parecchi casi provvisti di baffi, a manubrio, è ovvio, come le loro biciclette. Rigorosamente veri, non posticci.

>Leggi anche Cicloturismo: 10 consigli per una vacanza in bicicletta

Il ciclismo di una volta

Abbigliamento rigorosamente d’antan, maglie da ciclisti di quella lana ruvida che dava sempre prurito e in caso di pioggia, tutte zuppe, valeva un chilo in più, non richiesto. Stessa sorte per i pantaloncini che, nell’acquazzone, tendevano a scendere verso il ginocchio (da qui le bretelle, per molti d’ordinanza). A celebrare il ciclismo di una volta, un tuffo nella memoria.

>>Leggi anche Cruz Bike, la vintage elettrica che corre a 57km/h

eroica_3Ci arrivano da tutto il mondo

Venendo ai giorni nostri è solo mutato il numero, ingigantitosi in progressione, e le donne non sono una sparuta minoranza, in bici d’ordinanza. Oggi a Gaiole, sulle strade bianche del Senese, convengono in più di settemila, in larga parte stranieri, attratti dai luoghi ma soprattutto dall’atmosfera che i più fortunati, coloro che già hanno vissuto l’esperienza, hanno raccontato agli amici. Vengono da lontano, l’aereo li muove da tutti i continenti, potenza del passaparola in un mondo che vive di promozioni milionarie. Altrove, non per l’Eroica.

Biciclette rigorosamente d’epoca

Sono ringiovanite le sole bici, oggi sono considerate d’epoca, e perciò ammesse, quelle di almeno trent’anni, ma il titanio e i compositi (figli del carbonio) non hanno cittadinanza. L’abbigliamento non ha subito deroghe, tutto come la prima volta, nel 1997.

>Leggi anche Come prendere le misure della bici da corsa

eroica_4Una festa che unisce

L’Eroica è quasi un mito per lo spirito di chi la frequenta. Gli esaltati non hanno cittadinanza a Gaiole e dintorni, ci si va per stare insieme, partecipare di un rito antico, di comunità perché la bici accomuna i semplici, cioè i migliori. Incontri che ricorrono, amicizie che si consolidano di anno in anno perché non c’è altro modo di trovarsi; grandi sorrisi, il vociare di adulti che tornano bambini, allegria mai forzata in attesa delle fatiche, ciascuno se la sceglie.

>Leggi anche Andare in bici fa bene all’amore

Cinque percorsi, ma niente agonismi

Cinque i tracciati, il più lungo è per fachiri (209 km per non meno di undici ore sui pedali), il corto (46 km) è per chi vuole soltanto godere del paesaggio, anche se le strade bianche, gli sterri, sono comunque impegnativi, continui saliscendi e rischi di scivolar via, soprattutto in caso di pioggia, che domenica scorsa, il 1° ottobre, non è mancata. L’Eroica non è una gara, gli unici agonismi sono le piccole sfide con se stessi, per coloro che, identico il percorso scelto, vogliono far meglio della volta precedente. Soddisfazioni intime.

eroica_5Ristori per nulla dietetici

L’Eroica è ristoro delle coscienze e ristori, affascinanti, lungo i tracciati. Ristori mai dietetici. Si sosta per la finocchiona, salume indigeno, la ribollita e il vino che da quelle parti, e non solo, mette euforia. Ma chi indugia ai ristori poi procede lemme lemme, digerire in bici è fatica. Eroica.

>Leggi anche Dimagrire pedalando: come perdere peso andando in bicicletta

 

Photo credits: eroica.it; tiralento.it; chiantilife; caravambacci.com

©RIPRODUZIONE RISERVATA

One response to “L’Eroica, la caduta di Gimondi e perché questa corsa in bici è passata da 78 a 7mila partecipanti

  1. Bellissima descrizione dell’eroica io l’ho fatta per la prima volta ma la rifarò sicuramente anche nel 2018. È un emozione essere presenti. Emozione partire alle 5.20 del mattino ed emozione arrivare alle 20,05. Forature problemi meccanici non fermano ma rafforzano la volontà di arrivare al traguardo, comunque ed in qualsiasi condizione. L’eroica crea amicizie e fa condividere la fatica. Pedalata dopo pedalata non ci si accorge di aver percorso 209 km e di aver fatto 3700 Mt di dislivello. All’arrivo c’è quasi un amaro in bocca ed un pensiero entra nella mente e ti fa dire: ma è già finita!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *