Meglio mangiare un’arancia o bere del succo d’arancia?

Arancia Vitamina C

Sfatiamo la saggezza popolare: imbottirsi di vitamina C una volta che si è beccata l’influenza serve a poco (anzi: qui trovate i motivi per cui se fa freddo prendiamo il raffreddore). Meglio, molto meglio, prevedere una dieta variata ed equilibrata in cui rientri quotidianamente anche l’apporto di vitamina C, in grado – questo sì – di aiutare le barriere immunitarie a difenderci tra le altre cose dai malanni di stagione.

> Leggi anche: La frutta migliore da mangiare prima di fare sport

Ma a questo punto la domanda è: meglio mangiare un’arancia, oppure bere del succo di arancia? La domanda non è capziosa, perché da tempo è assodato che la pastorizzazione del succo di arancia indispensabile per la sua produzione industriale inevitabilmente abbassa i livelli di carotenoidi e vitamina C in esso contenuti. Al netto poi dell’apporto di zuccheri aggiunti in alcuni succhi di frutta (e occorre prestare attenzione agli zuccheri industriali, come vi abbiamo raccontato qui). Motivi per i quali molti esperti hanno sempre consigliato di mangiare un’arancia e bere dell’acqua per ottimizzare l’apporto sia dei nutrienti dell’arancia (carotenoidi e flavonoidi, utili anche per il benessere cardiovascolare) che quello di liquidi.

> Leggi anche: La frutta ideale per la colazione

Ora una ricerca della American Chemical Society e pubblicata sul Journal of Agricultural and Food Chemistry dice che sì, la pastorizzazione davvero riduce la quantità di flavonoidi e vitamina C presenti nelle arance, e tuttavia li rende più facilmente assimilabili dal nostro organismo.

> Leggi anche: 5 frutti che tengono lontani raffreddore e influenza

Credits: FlickrCC Beta-J

©RIPRODUZIONE RISERVATA