Nuoto: ecco come tenere la mano per andare più veloce

(Credits: Skeeze/Pixabay)

Nel nuoto la tecnica conta quanto la preparazione fisica: la migliore combinazione di questi due fattori permette al nuotatore di diventare un campione e a chiunque di sfruttare le leggi della fisica in modo massimamente efficiente. Un gruppo misto di ricercatori olandesi della Eindhoven University of Technology, della Delft University of Technology e del J.M. Burgers Centre for Fluid Dynamics, sembra sia riuscito a definire quale sia la posizione corretta delle mani per la nuotata ideale.

> Leggi anche: Quale cuffia scegliere per nuotare in piscina

Sfruttare l’attrito

Lo studio è stato presentato alla convention dell’American Physical Society e racconta di una ricerca volta a capire come migliorare le prestazioni affinando la posizione in acqua. La spinta propulsiva nel nuoto viene data soprattutto dalle braccia, in un processo di azione e reazione in cui la forza esercitata dal nuotatore per ‘spostare l’acqua’ gli viene restituita nella spinta. La novità interessante è la possibilità di utilizzare l’attrito dell’acqua, aspetto che i nuotatori in generale cercano in realtà di combattere. Il team sostiene che se aumentiamo il coefficiente di attrito, aumentiamo la spinta. Per scoprirlo sono stati eseguiti test in galleria del vento sul modello 3D di una mano e combinati con altre simulazioni nel campo della fluido dinamica.

> Leggi anche: I muscoli che si sviluppano di più per ogni stile di nuoto

Mano “a rastrello”

Il risultato che emerge è che la mano aperta “a rastrello” (più aperta) è meglio di quella “a pagaia” (più chiusa) in termini di efficienza della bracciata. Sembra che la posizione ideale della mano sia quella con l’apertura di 10° fra un dito e l’altro, cosa che aiuta a aumentare la velocità, diminuendo la dissipazione della potenza. Si tratta di una posizione piuttiosto naturale da tenere, con le dita di poco distanziate.  Secondo lo studio, che conferma teorie già circolanti sul tema, così facendo si ottiene un incremento del 2-5% del coefficiente di attrito: non moltissimo a dire il vero in termini assoluti, ma un dato che ad alto livello, dove ci si gioca la vittoria sul filo dei centesimi, può fare la differenza.

Attenzione: stiamo sempre parlando di teoria: ora il gruppo olandese eseguirà test in una vasca d’acqua, dove il modello della mano sarà collegato a un robot in grado di riprodurre movimenti reali che si effettuano nella nuotata.

> Leggi anche: Gli occhialini più adatti per nuotare in piscina

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *