Reebok Nano 6.0: la prova delle migliori scarpe per fare Crossfit

reebok-nano-6-2
reebok-nano-6-3
reebok-nano-6-4
reebok-nano-6-5

È così intenso, tosto e sfidante che quando si tratta di fare Crossfit non ci possono essere compromessi, né sul box a cui affidarsi per il workout of the day, né tantomeno sul materiale tecnico che si usa, a cominciare ovviamente dalle scarpe. Per questo quando ci hanno proposto di testare le nuove Reebok Nano 6 presso il Reebok Crossfit Officine di via Giulio Verne a Milano non ci siamo tirati indietro: a condurre il WOD c’erano due campioni come Martina Barbaro e Stefano Migliorini, e il tutto non poteva essere banale. E così è stato: un workout “sfida contro il tempo” composto da un esercizio cardio alla bike e seguito da tre grandi classici come sit-up, snatch con il manubrio e gli immancabili burpess. Il tutto con ai piedi le nuovissime Nano 6 di Reebok.

> Leggi anche: 8 consigli per chi vuole cominciare a fare Crossfit

Le impressioni dopo la prova delle Reebok Nano 6.0

Ora, le Nano 6 sono già un grande classico e una continua evoluzione, e questa sesta edizione prende il meglio delle precedenti e i consigli degli atleti per renderle ancora migliori. Come? Con un po’ di caratteristiche pensate specificamente ed esclusivamente per il Crossfit.

La tomaia è più traspirante rispetto ai modelli precedenti, ma anche più resistente grazie all’uso del kevlar, in particolare nella zona delle dita e sull’interno del piede dove c’è un inserto RopePro che serve per avere grip sulla corda e non distruggere la tomaia. L’intersuola è stata migliorata nelle doti di ammortizzazione, perché nel Crossfit non è detto che non si debba anche correre, mentre la suola è stata resa più flessibile nell’avampiede, sempre per favorire la corsa ma anche gli esercizi dinamici, e più stabile sul tallone dove invece serve protezione, anche nella conchiglia.

> Leggi anche: Ho finito la mia prima Spartan Race

Il risultato? Una scarpa flessibile, agile, con la pianta larga e quindi stabile, comoda anche nella parte anteriore abbastanza larga per lasciare libertà di movimento alle dita un po’ sulla linea delle scarpe “natural”, abbastanza morbida per correre sull’asfalto (cosa che abbiamo fatto, anche se bisogna dire che non sono scarpe per correre una 10km), traspirante e fresca quanto deve essere per fare un allenamento indoor nell’afa di un luglio milanese e, oggettivamente, anche bella da vedere.

> Leggi anche: 6 vantaggi dell’Interval Training ad alta intensità

Prezzo ufficiale? 129.95 euro (come da sito ufficiale Reebok)

©RIPRODUZIONE RISERVATA