The Frozen Road, un viaggio molto pericoloso

frozen-road-film

Il bello dei viaggi è che non sempre scorrono perfetti come li avevi immaginati. Lo racconta The Frozen Road, un documentario sulla fatica e la paura di un giovane che ha viaggiato per 3 anni percorrendo 15.000 chilometri. Il film è stato presentato nel circuito del Banff Mountain Film Festival 2018 e in diversi altri festival, ottenendo diversi premi proprio per la sua originalità: parla di panico, solitudine, difficoltà. Lo puoi vedere direttamente in fondo alla pagina.
>> Leggi anche: Perché alcuni hanno lo spirito d’avventura e altri no

The Frozen Road, il film sul viaggio di Ben Page

Il viaggio descritto in The Frozen Road è quello del 22enne inglese Ben Page.
Come succede a molti, soprattutto nel mondo anglosassone, dopo la laurea era più spinto dalla voglia di esplorare il mondo che da quella di mettersi a lavorare. Così nel 2014 si mette in viaggio per attraversare il continente americano a partire dalla punta meridionale, con la bici e una tenda. Durante la tappa finale nello Yukon in Alaska decise di deviare dalla strada principale per andare a vedere qualcosa che lo attira. In pochi istanti l’euforia si trasforma in paura e il viaggio diventa una prova durissima.

 

frozen-road-film-canada
>> Leggi anche: 10 motivi per cui viaggiare ti migliora la vita

Come Chris McCandless di Into the Wild

UN po’ come Home, la storia di Ben Page ricorda quella di Chris McCandless raccontata prima da Jon Krakauer nel libro Into the Wild e poi da Sean Penn nell’omonimo film. Con una differenza: è Alex Supertramp che alla fine sopravvive. The Frozen Road è un documentario di 24 minuti ambientato nel profondo nord del Canada: in questo immenso panorama ghiacciato e impietoso si muove Ben Page, che è solo e spaventato, forse inadeguato per affrontare situazioni estreme. Vuole solo tornare a casa, ma prima deve combattere contro la natura e se stesso e le grandi domande della vita.
Eccolo qui, per intero:

 

 

 

(credits: Benpagefilms)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *