42.ma Pizolada delle Dolomiti, scialpinismo ed escursioni in un paradiso naturale

pizolada_0

In mezzo a tanta neve e in un panorama che non ha eguali al mondo, domenica 8 aprile è in programma la 42.ma edizione della Pizolada delle Dolomiti, una classica sci alpinistica della Val di Fassa, dove grazie anche all’abbondante innevamento di quest’anno i partecipanti potranno confrontarsi con gli spettacolari percorsi sulle pendici del Col Margherita.

>>Leggi anche: Alpe Lusia-San Pellegrino, 100 km di piste da sci e tante occasioni di divertimento

pizolada_2bUna gara impegnativa

Il Comitato Organizzatore propone quest’anno una gara agonistica che metterà a dura prova anche gli atleti più allenati con cinque salite, tra cui il lungo e severo canalone nord della Forcella Vallazza e il mitico Canalino Holzer, ripido tratto alpinistico da superare con gli sci in spalla fino alla cima del Col Margherita (2514 m), e cinque discese in neve fresca. Partenza dalla stazione a valle della funivia Col Margherita.

>>Leggi anche: Moena Ski Alp, sugli sci in notturna nel cuore della Val di Fassa

Un’escursione con le Guide Alpine

Accanto alla gara sarà è stata poi organizzata un’escursione guidata con le Guide Alpine su percorso assistito per coloro che desiderano provare l’emozione di raggiungere la mitica Cima Bocche attraverso la ripida cresta sud-ovest (2745 m) in sicurezza, godendosi appieno natura e paesaggi. Il raduno escursionistico è aperto a tutti e sono ammessi anche i minorenni che hanno già compiuto il 15° anno di età, all’8 aprile 2018, previa la firma apposta di un genitore o di chi ne fa le veci. Partenza da Malga Negritella, in località Alochet.

>>Leggi anche: Escursioni con le ciaspole sulle Dolomiti: i Cadini di Misurina

pizolada_1aPercorso escursione

Prima  salita: dalla Malga Negritella (Località Alochet) (mt. 1767) ci si alza gradualmente dentro il bosco fino a raggiungere la località Ciamp de Ors prima e poi in ambiente maestoso fino alla Forcella di Bocche e in vetta alla omonima cima attraverso la ripida cresta sud-ovest (mt. 2745).
Zona cambio assetto discesa.
Prima discesa: a ritroso si scende per la cresta sud-ovest, fino alla Forcella di Bocche e poi si raggiunge la località Scalet (mt. 2136). Da qui, a seconda della fatica e della voglia, si prosegue sempre accompagnati, potendo scegliere tra due percorsi:

– escursionistico corto nel quale si prosegue la discesa fino alla località Ciamp de Ors e poi, sempre in discesa, si rientra alla Malga Negritella (mt. 1767). (dislivello salita: m 978 – km 3,47; dislivello discesa: m 978 – km 3,58).
–  escursionistico lungo con zona cambio assetto salita. Seconda salita: brevissima e facile fino al Col de le Palue (mt. 2266). Zona cambio assetto discesa. Seconda discesa: dal Col de le Palue (mt. 2266) su pendio aperto prima e lungo la carrareccia poi, fino a rientrare alla Stazione a valle della funivia del Col Margherita (mt. 1871). (dislivello 1a salita: m 978 – km 3,47; dislivello 1a discesa: m 609 – km 1,91; dislivello 2a salita: m 130 – km 0.65 dislivello 2a discesa: m 395 – km 3,71)

>>Leggi anche: I trekking più emozionanti delle Dolomiti

pizolada_2Già aperte le iscrizioni

Le iscrizioni alla 42.ma Pizolada delle Dolomiti sono già aperte e fino a venerdì 6 aprile 2018 è prevista una quota promozionale di 35,00 euro (valida per tutti, agonisti ed escursionisti) che comprende anche il pacco gara. Il certificato medico di idoneità sportiva in corso di validità è richiesto solo agli agonisti, come da regolamento di gara.

>>Leggi anche: Sanpe Snowpark, a Passo San Pellegrino fare snowboard è adrenalina pura

 

[photo credits: lapizolada.com]

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *