La corsa lungo la Via Francigena, in Toscana il 27 e 28 ottobre

via-francigena-maratona

Torna il 27 e 28 ottobre la World Francigena Ultra Marathon, l’evento dedicato agli appassionati di trekking e nordic walking che si cimenteranno in quattro diversi itinerari lungo un tratto della Via Francigena, seguendo l’itinerario di Sigerico. Si tratta di due giorni a piedi lungo l’antico tragitto della via Francigena, da Siena ad Acquapendente, per riscoprire alcuni dei borghi più belli della Toscana e del Lazio.

La seconda edizione della corsa è sia una prova sportiva intensa (il percorso più lungo è di 120 km) che un’opportunità di far conoscere le bellezze e le particolarità dei territori di Siena e Acquapendente.

 

Che cos’è la World Francigena Ultra Marathon

La World Francigena Ultra Marathon è un format unico a livello europeo ed è un esempio di collaborazione tra due regioni che potrebbe essere utile anche per lo sviluppo dei cammini della fede, dal turismo lento e la conoscenza del territorio.

L’anno scorso furono oltre 700 i partecipanti alla World Francigena Ultra Marathon, un successo di partecipazione e pubblico che pare destinato a crescere

 

>> LEGGI ANCHE: La Via Francigena, a piedi attraverso l’Europa

 

I quattro itinerari della World Francigena Ultra Marathon

 

120 km Siena-Acquapendente, sabato 27 ottobre

Il percorso più impegnativo è quello che si snoda lungo 120 km da Siena ad Acquapendente con partenza alle 10 di sabato 27 ottobre da Piazza del Duomo e attraverserà Val d’Arbia, Val d’Orcia fino ad Acquapendente.

Siena-Acquapendente: 120 km con partenza alle ore 10 da piazza del Duomo. Da Siena inizia una tappa di 32 km. Un percorso impegnativo lungo le strade bianche della Val d’Arbia, con panorami caratterizzati dalla campagna intatta del Senese che dal capoluogo si sposta verso la Grancia di Cuna, l’antica fattoria fortificata che faceva parte del sistema dello Spedale Santa Maria della Scala. Poi si cammina fino a sfiorare Monteroni d’Arbia e arrivare a Quinciano, dove, a breve distanza, si può scorgere il borgo fortificato di Lucignano d’Arbia, con la pieve romanica di San Giovanni Battista. Dopo un tratto lungo la linea ferroviaria si giunge a Ponte d’Arbia e successivamente a Buonconvento, arrivo di tappa del percorso.

Da Buonconvento inizia una tappa di altri 32 km. Si sale la valle dell’Ombrone, si percorre un tratto della Cassia per Montalcino, coi vigneti dove nasce il Brunello che ricoprono la collina. Lungo strade bianche si raggiunge Torrenieri, con la chiesa di Santa Maria Maddalena, citata da Sigerico. Da qui si entra nei panorami della Val d’Orcia con un tratto in salita fino a raggiungere la collegiata di San Quirico D’Orcia.
Si prosegue da San Quirico d’Orcia con una tappa impegnativa di 32,7 km (partenza in notturna), con salite e discese lungo brulle colline. Si raggiunge il piccolo borgo fortificato di Vignoni, col suo panorama che spazia sulla Val d’Orcia e si scende a Bagno Vignoni, famoso per la vasca termale monumentale.

Un lungo tratto in saliscendi nelle valli dei fiumi Orcia e Paglia porta i partecipanti all’antico ospitale Le Briccole nel Comune di Castiglione D’Orcia. Da qui inizia una dura salita verso il punto tappa a Radicofani a 790 metri slm. Da Radicofani altra tappa impegnativa di 31,8 km. Il cammino inizia con una discesa di 8 km lungo il crinale, con la vista sulle valli che si allungano verso il Lazio. Attorno colline a perdita d’occhio e il Monte Amiata, dietro la Rocca di Radicofani. Giunti a Ponte a Rigo, Frazione di San Casciano dei Bagni, si percorre qualche chilometro prima di entrare nel Lazio, e poi lungo una strada sterrata con panorami sulla valle del fiume Paglia, fino a Proceno.
Si scende a Ponte Gregoriano, prima di affrontare l’ultima ripida salita verso la porta della Ripa, ingresso della Città di Acquapendente (La Gerusalemme D’Europa).
L’arrivo della Ultramarathon è previsto nella Piazza del Comune.

 

>> LEGGI ANCHE: La Magna Via Francigena in Sicilia,  a piedi e in bici

 

 

65 km San Quirico d’Orcia-Acquapendente, sabato 27 ottobre (ore 22)

San Quirico d’Orcia-Acquapendente: 65 km con partenza in notturna sabato 27 ottobre alle ore 22. Dalla Val d’Orcia parte una tappa con salite e discese lungo brulle colline. Numerosi i luoghi d’interesse a cavallo tra Toscana e Lazio che si incontrano lungo il percorso.
Dal borgo fortificato di Vignoni, col suo panorama che spazia sulla Val d’Orcia e si scende a Bagno Vignoni, famoso per la vasca termale monumentale. Un lungo tratto in saliscendi nelle valli dei fiumi Orcia e Paglia porta i partecipanti all’antico ospitale Le Briccole nel Comune di Castiglione D’Orcia. Da qui inizia una dura salita verso Radicofani a 790 metri slm dove si fa tappa.

Da Radicofani parte un altro impegnativo percorso che prevede subito una discesa di 8 km lungo il crinale, con la vista sulle valli che si allungano verso il Lazio. Attorno colline a perdita d’occhio e il Monte Amiata, dietro la Rocca di Radicofani. Giunti a Ponte a Rigo, frazione di San Casciano dei Bagni, si percorre qualche chilometro prima di entrare nel Lazio, e poi lungo una strada sterrata con panorami sulla valle del fiume Paglia, fino a Proceno. Si scende a Ponte Gregoriano, prima di affrontare l’ultima ripida salita verso la porta della Ripa, ingresso della Città di Acquapendente.

 

>> LEGGI ANCHE: Dalla scrivania alle ultra-trail: la storia di Lara Crivelli

 

32 km da Siena a Buonconvento, sabato 27 ottobre

Siena-Buonconvento: 32 km con partenza sabato 27 ottobre alle ore 10 da piazza del Duomo. La tappa prende il via dal centro storico della città del Palio e si snoda lungo le strade bianche della Val d’Arbia, toccando luoghi famosi come la Grancia di Cuna, la fattoria fortificata che faceva parte del sistema dell’antico Spedale Santa Maria della Scala, Monteroni d’Arbia, Quinciano da dove si  può ammirare il borgo fortificato di Lucignano d’Arbia, con la pieve romanica di San Giovanni Battista.
Dopo un tratto lungo la linea ferroviaria si giunge a Ponte d’Arbia e successivamente a Buonconvento arrivo di tappa del percorso.

 

>> LEGGI ANCHE: Le gare di trail da correre in Italia

 

32 km da Radicofani ad Acquapendente, domenica 28 ottobre

Radicofani-Acquapendente; 32 km con partenza domenica 28 ottobre alle ore 9. L’ultimo itinerario prende il via da Radicofani e inizia con una discesa di 8 km lungo il crinale, dove la vista si perde sulle valli che si allungano verso il Lazio con colline a perdita d’occhio e sullo sfondo, dietro la Rocca di Radicofani, il Monte Amiata.

Si passa dunque da Ponte a Rigo, frazione di San Casciano dei Bagni, e si percorre qualche chilometro prima di entrare nel Lazio, e poi lungo una strada sterrata con panorami sulla valle del fiume Paglia, fino a Proceno. Si scende a Ponte Gregoriano, prima di affrontare l’ultima ripida salita verso la porta della Ripa, ingresso della Città di Acquapendente.

 

>> LEGGI ANCHE: Tre Cime di Lavaredo, dove si impara a fare i trail

 

Come iscriversi alla World Francigena Ultra Marathon

Ci si può iscrivere entro il 15 ottobre sul sito ufficiale.

 

 

Cosa ti serve per correre una gara di trail

Una gara di trail non è come una maratona su asfalto. Ti servono scarpe e un abbigliamento specifico. Qui puoi leggere i nostri consigli su cosa scegliere devi avere per affrontarne una.Qui sotto invece le cose da considerare quando devi comprare scarpe e giacche.

 

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA