Altipiano del Renon: l’inverno tra sport e gastronomia

altipiano renon sport gastronomia

L’inverno sull’Altipiano del Renon, a due passi da Bolzano e raggiungibile in appena 12 minuti con la funivia che parte dal capoluogo altoatesino, continua tra sport e gastronomia, a cominciare dall’appuntamento del 26 gennaio con Pistnkuchl, l’evento gastronomico sulle piste che vedrà protagonisti sei chef d’eccellenza della regione e altrettanti rifugi lungo i sentieri e le piste del Corno del Renon.

Altipiano del Renon: Pistnkuchl il 26 gennaio 2019

La prima occasione per coniugare sport e gastronomia sull’Altipiano del Renon è Pistnkuchl il 26 gennaio 2019, l’evento gastronomico in cui a ciascun visitatore viene consegnato un “pass gastronomico” sul quale apporre i timbri per ogni portata gustata. A coloro che, nel corso della giornata e in qualsiasi rifugio, collezionano almeno quattro timbri, è riservata una sorpresa a tema. La kermesse si concluderà nel pomeriggio con una degustazione di vini presso lo Ziglu a Pemmern. Inoltre, gli appassionati di cucina possono richiedere il testo delle ricette dei piatti della giornata direttamente ai gestori dei vari rifugi.

Ecco l’elenco degli chef e delle baite coinvolte:

• Berghotel Zum Zirm: Richy Mezei del ristorante Buffalo a Graz, in Austria – “Semifreddo di pera Kloatze in mantello di biscotto con sorbetto alla mela verde e spinaci”
• Albergo Pemmern: Monika Kröss – Zuppa di barbabietole con gnocchetti di semolino e Speck
• Trattoria Schwarzseespitze: Christian Plunger, Exclusive Catering Solutions Collalbo – “Gnocchi di patate con ragù di selvaggina”
• Albergo Unterhorn: Theo Francescutto della trattoria Himmelreich Collalbo – “Orecchiette con pesce spada e nero di seppia”
• Baita Feltuner: Wolfgang Fink, trattoria Maria Saal Monte di Mezzo – “Ragù di spalla di vitello con polenta alla cipolla e radicette”
• Schofstoll: Florian Schweigkofler del ristorante Wiesenheim Collalbo – “Testina di vitello all´agro – un po’ diverso!” (Bruschetta di pane nero con testina di vitello all’agro tiepida con tartufo nero e cetrioli)

17 marzo 2019: l’Alba al Corno del Renon

Tra gli appuntamenti per gli amanti della montagna spicca anche l’Alba al Corno del Renon, in programma il 17 marzo 2019, che prevede viaggio in cabinovia, golosa colazione alla Cima Lago Nero con prodotti locali e un’escursione guidata lungo il sentiero Cieloronda.

Altipiano del Renon: tutte le occasioni per fare sportd al pond hockey al duathlon

Tanti gli eventi per gli appassionati di sport invernali spiccano dal 15 al 17 febbraio il pond hockey, ovvero l’hockey nella sua forma più pura, con il 3° European Pond Hockey Championship, e la Horn Attacke del 9 marzo 2019, la gara di duathlon che prevede 20 km di corsa da Bolzano a Pemmern, seguiti da 2.000 metri di dislivello fino al Corno del Renon (scialpinismo).

Per chi non scia ci sono tante escursioni da fare a piedi o con le ciaspole, grazie ai sentieri panoramici invernali ben segnalati, alcuni dei quali percorribili pure con i passeggini. Imperdibile in particolare il Panorama Tour invernale: dalla cabinovia Cima Lago Nero, è un percorso di circa 2 ore e mezza con una vista indimenticabile sulle Dolomiti. E poi ancora il pattinaggio, quest’ultimo da provare sull’anello di ghiaccio di Collalbo (l’Arena Ritten, pista all’aperto di 400 metri, particolarmente veloce) o sul più romantico laghetto di Costalovara, ghiacciato da inizio dicembre a inizio marzo, immersi in uno scenario da favola.

Offerte e pacchetti sull’Altipiano del Renon

L’altipiano del Renon è una meta ideale per tutto l’inverno, specialmente per gli appassionati dello sci “slow”: merito della sua posizione, dei tanti giorni di sole e delle tariffe competitive: tutte cose che fanno del Renon una valida alternativa rispetto ai grandi domaine skiable. Qui il comprensorio sciistico del Corno del Renon (che si sviluppa dai 1.530 ai 2.260 metri di altitudine) mette infatti a disposizione degli appassionati 15 km di piste, ampie e panoramiche, dove è possibile godersi la vista spettacolare sulle vette dolomitiche – dal Gruppo del Sella allo Sciliar – per una autentica full immersion nella natura.

Tra le offerte c’è la “settimana bianca in Alto Adige”, valida fino al 2 marzo e dal 9 al 24 marzo: 7 notti a partire da 309 € a persona, incluso skipass per 4 giorni e prima colazione (un bambino inferiore ai 6 anni dorme gratuitamente nella stanza dei genitori). Inoltre, dal 16 al 23 marzo, è in programma la “Family week” che prevede uno speciale programma per bimbi (corso di sci al mattino, e poi nel pomeriggio attività come visita alla fattoria, passeggiate sulle tracce degli animali o un piccolo corso di cucina – costo totale, 120 € a bambino).

Per quanto riguarda invece le tariffe-base, il giornaliero per adulti costa 28 €, 19 € per bambini nati tra il 2004 e il 2010 (sotto gli 8 anni gratis) e sono previsti inoltre pacchetti famiglie e tessere a punti.

Per gli appassionati di sci di fondo, sono a disposizione piste perfettamente preparate in un contesto spettacolare, dal facile anello per principianti di 5 chilometri, alla più impegnativa pista di 35 chilometri.

Come raggiungere gli impianti del Corno del Renon

Gli impianti del Corno del Renon sono facilmente raggiungibili anche per chi parte da Bolzano: dal capoluogo partono, ogni ora, autobus di linea diretti a Collalbo e poi alla stazione a valle di Pemmern (dove si trova anche un ampio parcheggio, per chi preferisce usare l’auto), da dove parte la cabinovia a 8 posti fino alla Punta Lago Nero. Oppure con la Funivia del Renon si può raggiungere Soprabolzano in pochi minuti, poi prendere il trenino fino a Collalbo, infine l’autobus di linea fino a Pemmern.

Via libera con la RittenCard!

La RittenCard viene consegnata gratuitamente soggiornando nelle strutture partner dell’Associazione Turistica Renon e include una serie di vantaggi, tra cui: libero utilizzo di tutti i mezzi di trasporto pubblici in Alto Adige, compreso il trenino a scartamento ridotto e la Funivia del Renon, una corsa giornaliera di andata e ritorno con la cabinovia del Corno del Renon e l’ingresso in circa 90 musei, castelli ed esposizioni in Alto Adige, quali il museo di Ötzi e il Messner Mountain Museum.

©RIPRODUZIONE RISERVATA