Bici elettrica Rimac Greyp G6, e-mtb superpotente

rimac-greyp-g6-mountain-bike

La bici elettrica Rimac Greyp G6, e-mtb superpotente, è in arrivo a marzo. Sappiamo ancora poco (la casa mantiene il segreto) ma molto probabilmente si tratta di un mezzo estremo, con innovazioni tecnologiche notevoli. La mountain bike a pedalata assistita dell’azienda croata di hypercar elettriche arriva dopo il modello G12, una bomba da 70 km/h di velocità. Vediamo com’è.

 

 

La bici elettrica superpotente di Rimac

Come Ducati e altre case motoristiche, anche la G6 nasce da un’azienda specializzata in mezzi a motore, stavoòta eletrici. Greyp è un’azienda che produce bici elettrice di proprietà di Rimac, la casa croata che realizza hypercar elettriche come la Rimac One, mezzi estremi dall’ingegneria sofisticatissima. E anche la linea di bici segue questa filosofia. Dopo la G12 uscita nel 2016, un mostro con batteria da 2000 Wh e potenza di 12 kW, pe runa velocità di 70 kmh, il gruppo ha annunciato un secondo modello, la G6. Verrà presentata il prossimo 15 marzo (anche se dovrebbe esserci qualche anticipazione per il salone di Ginevra) ed è lecito aspettarsi un’altra bici estrema.

 

 

Com’è la mountain bike elettrica Rimac Greyp G6?

Per ora si sa pochissimo della G6, se non che sarà diversa da tute le altre e-mtb in circolazione. Sembra una full suspended dedicata al downhill, con sospensione posteriore rockshox e batteria posizionata sul tubo fra le ginocchia del rider. Nessun cavo a vista, per un look pulito e una maggiore sicurezza nell’offroad. C’è un video della casa che mostra qualcosa, ma davvero poco:

 

 

Una novità notevole è il supporto per lo smartphone, un dock che include una doppia videocamera integrata con sensori led e un sistema eSTEM, un modulo per controllare due videocamere (fronte e retro) che fungono da navigatore e monitorano i valori del rider, come battito cardiaco. L’interfaccia utente è costituita dallo smartphone tramite un app. si possono anche acquisire foto, inviare comandi alla bici come la gestione della potenza.

 

Quanto costa la Rimac Greyp G6?

Sembrerebbe quasi una predisposizione alla guida autonoma, ma di sicuro si tratta di funzioni interessanti, per quanto ancora tutte da capire.

Quanto al prezzo, non sarà proprio basso. Se la G12 venne messa in vendita a 7mila euro, questa G6, con un motore meno potente, potrebbe costare un po’ meno. Ma non troppo. Per saperne di più bisogna tenere d’occhio il sito ufficiale.

 

Sul tema della bici elettrica leggi anche:

 

Bici elettrica pieghevole: come sceglierla e quanto costa

10 bici elettriche pieghevoli da comprare subito

6 consigli per comprare una MTB elettrica

Bici elettrica: cosa succede se l’assicurazione diventa obbligatoria

Le bici elettriche migliori del 2018 ai prezzi più bassi

La bici elettrica economica esiste: le occasioni da non perdere su Amazon

Bici elettriche usate: a cosa devio stare attento quando compri

 

 

Ti è piaciuto questo articolo? Parliamone sulla nostra pagina Facebook

(foto Rimac/Youtube)

 

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA