I primi 10 passi del Cammino di Santiago

8. Patti chiari amicizia lunga
Sei partito da solo? Ottimo, è il miglior modo di vivere il Cammino. Nessun vincolo, nessun obbligo: chi condivide una parte di sentiero con te è perché è realmente interessato a quello che sei, a cosa racconti, a quello che dici. Zero ipocrisia.
Sei partito in compagnia di un amico? Ok, ma chiarite le cose all'inizio: non è necessario camminare fianco a fianco tutto il giorno. Datevi un'appuntamento per sera e muovetevi liberi seguendo ognuno il proprio ritmo.
Credits: FlickrCC: Jexweber

State sognando di fare il Cammino di Santiago? Le prossime vacanze le passerete camminando dai Pirenei a Compostela? State cercando consigli, guide, informazioni su come affrontare il vostro primo Cammino di Santiago?

Luca Giai i 900 chilometri dai Pirenei a Finisterre li ha percorsi tutti, e su quei 34 giorni di cammino ha scritto “900 chilometri di felicità“, un libro (formato Kindle, 4,99 euro, in download dal sito di Amazon; il formato cartaceo potete chiederlo direttamente all’autore dalla sua pagina Facebook) per raccontare gli aspetti pratici e i dubbi, le sensazioni e i pensieri che deve affrontare ogni pellegrino diretto al bagno purificatore sulla Playa de Mar de Fora di Finisterre.

Classe ’86, laureato in Ingegneria presso il Politecnico di Torino, da sempre attratto dalla natura e dalle montagne, ha scoperto il piacere di viaggiare lento nell’estate del 2010 grazie ad un viaggio in bicicletta. Da allora accantona le classiche vacanze, e ogni anno studia e realizza nuovi itinerari da percorrere a piedi o in bicicletta nei giorni liberi.

A lui abbiamo chiesto i primi 10 passi da fare (li trovate nella gallery) e il modo migliore per affrontarli e non fermarsi più.

Clicca ‘Mi Piace‘ e segui anche la nostra pagina Facebook Sportoutdoor24

©RIPRODUZIONE RISERVATA