I percorsi della Grande Guerra nell’Alto Garda trentino: da San Giacomo al Monte Altissimo

Il panorama dal Monte Altissimo. Credits: VisitRovereto
Il panorama dal Monte Altissimo
Il Rifugio Damiano Chiesa sul Monte Altissimo
Il Panorama dal Monte Altissimo
Il Panorama dal Monte Altissimo

Uno degli itinerari più belli dell’Alto Garda trentino, da cui si gode la vista dell’intero lago di Garda, che riporta all’immagine dei fiordi norvegesi, e che porta a visitare alcuni ruderi di casermette e di baraccamenti militari risalenti alla Prima Guerra Mondiale.

Dal parcheggio del centro di fondo dell’Hotel San Giacomo, sull’altipiano di Brentonico, si raggiunge il sentiero SAT 622 che entra nel bosco. Una volta usciti dal bosco si prosegue sulla strada che attraversa i pendii dell’Altissimo fino a raggiungere Malga Campo dove è possibile degustare formaggi prodotti con il latte delle mucche che si trovano libere al pascolo.

Lasciandosi la malga sulla destra s’inizia a salire per il ripido pendio in direzione della Bocca Paltrane e da qui, lungo il bellissimo crinale da cui si gode la vista insieme del Garda e dei monti dall’Adamello al Brenta, si raggiunge il rifugio Damiano Chiesa. Ancora pochi metri di dislivello e si arriva sulla vetta dell’Altissimo. Il ritorno consigliato è lungo l’itinerario di salita.

Punto di partenza: San Giacomo (m 1194)
Lunghezza: km 4,8
Dislivello: m 878
Durata: 3 h 30’
Difficoltà: difficile

Per altri itinerari e trekking nei luoghi della Prima Guerra Mondiale cliccate qui.

©RIPRODUZIONE RISERVATA