I sentieri escursionistici nel Desert des Agriates in Corsica

Sentieri Escursionistici Deseert des Agriates

Il Desert des Agriates è una vasta regione che si estende per circa 45 km nel nord della Corsica, dalla cittadina di Saint Florent fino alla spiaggia di Ostriconi. Non si tratta di un deserto comunemente detto, con dune di sabbia fine e dorata, ma di una regione ampiamente disabitata, selvaggia e impervia, con creste rocciose sferzate dal vento, valli ricoperte di intricata macchia mediterranea e alcune fantastiche spiagge di sabbia bianchissima che affacciano su un mare trasparente e cristallino come ai Caraibi.

Il sentiero del litorale nel Desert des Agriates: da Saint Florent a Ostriconi

Tra i vari modi di raggiungere spiagge come Lotu, Saleccia e Ghignu (per esempio affidandosi ai servizi di navette 4×4 o a quelli dei taxi boat via mare) il più affascinante e bello è senza dubbio quello di percorrere il Sentiero del litorale, o dei Doganieri come viene anche chiamato, che sostanzialmente si dipana nello spazio tra il mare da una parte e le spiagge o rocce dall’altra. Tecnicamente non è un sentiero impegnativo, tuttavia non è un trekking banale: una volta partiti dalla spiaggia de la Roya a Saint-Florent non si trovano rifornimenti d’acqua se non a Saleccia, idem in seguito fino a Ostriconi; ombra quasi non ce n’è, se non appunto sotto la bassa vegetazione che fa da sfondo alle spiagge; la zona è generalmente ventosa, anche in estate e soprattutto dall’autunno alla primavera quando le piogge improvvise possono trasformare i sassosi letti dei torrenti in impetuosi e improvvisi corsi d’acqua.

> Leggi anche: Il Sentier GR20 in Corsica

Ancor più importante: tutta l’area del Desert des Agriates è protetta dal punto di vista naturalistico e quindi sono vietati il bivacco (a Saleccia si trovano sia un campeggio che un bar paillotte sotto gli alberi; a Ghigno ci sono alcune case dei pastori che si possono affittare anche solo per una notte; a Ostriconi c’è un campeggio), il deposito di ogni genere di immondizia e rifiuto (compresi i mozziconi di sigarette, benché questo sia ampiamente disatteso dai bagnanti in spiaggia), l’accensione di fuochi o barbecue e, a parte le strade che portano a Saleccia e, da Bocca di Ventu a Ghigno, la circolazione a motore.

> Leggi anche: I migliori zaini da trekking da 10 a 80 litri

Quanto è lungo il sentiero del litorale nel Desert des Agriates

Fatte le debite premesse, il Sentiero del Litorale o dei Doganieri, si srotola per circa 35 km: non una distanza impossibile ma sufficiente per indurre a spezzare in almeno in 2 il trekking, considerando che normalmente bisogna prevedere circa 15 ore di cammino complessivo.

> Leggi anche: 5 dritte per prevenire i colpi di calore

Da Sain Florent a Saleccia

Normalmente si parte da Sain Florent, o meglio dalla sua spiaggia de la Roya, anche perché la cittadina balneare è la più semplice da raggiungere soprattutto per chi sbarca a Bastia. Un primo tratto potrebbe essere quello che porta appunto fino alla spiaggia di Saleccia, considerata da anni tra le più belle al mondo e ormai raggiunta anche dai taxi boat e dalle navette 4×4 che partono dalla località di Casta: mediamente a piedi ci vogliono circa 5 ore e mezza di cammino. Una volta a Saleccia si può pernottare appunto al campeggio o al bar paillotte che si trovano immediatamente dietro la spiaggia: c’è da mangiare, da bere e anche una doccia fredda.

> Leggi anche: Spiagge da sogno: le 10 acque più limpide al mondo

In alternativa si può prolungare il primo tratto fino alla spiaggia del Malfalcu e ai rifugi del Ghignu, aggiungendo circa 2 ore e mezza alle 5 e mezza fino a Saleccia, ma considerando che la possibilità di pernottare al Ghignu sono ben più spartane: qui si trovano dei cosiddetti pagliaghji, vecchi ripari dei pastori senza acqua né elettricità (si possono prenotare dal sito del consiglio dipartimentale della Haute-Corse).

> Leggi anche: 6 buone abitudini per un trekking a impatto zero

Da Saleccia a Ostriconi

Che si prosegua o meno fino al Ghigno, bisogna comunque passarci nella seconda tappa, quella che porta a Ostriconi, che a questo punto diventa di circa 9 ore complessive e conduce al site dove si trova anche un campeggio e un collegamento autobus per raggiungere Ile Rousse – Isola Rossa.

In alternativa, sia da Saleccia che da Ghigno, è possibile tornare in circa 3 ore e mezza sulla strada D81 che taglia il Desert des Agriates a sud e collega Saint Florent a Ostriconi.

> Leggi anche: La Corsica in kayak, il giro completo da Bastia

©RIPRODUZIONE RISERVATA