Il Viaggio delle Stelle da Milano a Cortina il 25 maggio in bici elettrica per le Olimpiadi

viaggio-dlle-stelle-milamno

 

Il Viaggio delle Stelle che si farà da Milano a Cortina il 25 maggio in bici elettrica è un percorso che vede coinvolto un gruppo di ragazzi affetti da patologie gravi e croniche lungo alcuni luoghi altrettanto ‘colpiti’ come le terre del sisma in Friuli; vuole essere anche un buon auspicio per le Olimpiadi del 2026, per cui le due città hanno presentato la candidatura. È un’iniziativa che porterà un gruppo di giovani a pedalare su biciclette elettriche per una settimana, portando un messaggio di speranza e antiretorica, ma anche per aiutare la candidatura olimpica di Milano e Cortina.

 

 

Il Viaggio delle Stelle da Milano a Cortina dei ragazzi affetti da patologie gravi

Il Viaggio delle Stelle è l’avventura di eroi ordinari, ragazzi affetti da patologie gravi e croniche, che a tappe partendo da Milano il 25 maggio 2019, passando per la tenuta di Borgoluce a Susegana e visitando alcuni luoghi delle cicatrici del passato recente e remoto (Piave, Vajont, boschi del Cadore, Dolomiti), raggiungeranno il 1 giugno Cortina e la vetta del Col Gallina a 2.500 mt., dove dormiranno sotto le stelle in un campo tendato e nella Starlight Room.

Sarà un viaggio di autostima, coraggio e saggezza, pedalando su bici elettriche e altri mezzi sostenibili, per portare un messaggio di forza ed energia pulita e una benaugurante bandiera olimpica, in occasione dell’elezione del sito delle Olimpiadi Invernali del 2026.

Le storie e le sfide dei B.Livers, nel loro percorso dalla malattia alle vette della “normalità” saranno protagoniste anche di un film. I ragazzi nel loro viaggio avranno il supporto di molti amici e aziende, che si sono uniti per raccontare l’avventura di questi eroi ordinari.

 

 

Che cos’è B.Live

B.LIVE (www.bliveworld.org) è un progetto sviluppato da Fondazione Near Onlus, un contenitore di attività e laboratori dedicati a ragazzi affetti da patologie gravi e croniche (tumori, HIV, disturbi alimentari, malattie rare…) provenienti da diversi istituti ospedalieri del territorio.

Attraverso visite in aziende, incontri con imprenditori e percorsi creativi, i ragazzi imparano il mestiere della vita e l’arte del fare. Con orgoglio, professionalità e amore producono collezioni di gioielli, borse, bio-cosmesi, canzoni. Opere che gli danno il coraggio di continuare a vivere sperando e costruendo un futuro migliore.

B.LIVE è una parola acronimo che significa diverse cose: Essere, Credere, Vivere. Diventa così anche un brand disegnato dai ragazzi stessi. Il simbolo che li rappresenta è il Bullone, scelto per portare nel mondo il loro messaggio di forza, coesione e coraggio. Le iniziative portano, da una parte, momenti di svago dalla malattia e dal percorso di cura attraverso attività ed obiettivi importanti, vissuti insieme a coetanei con cui instaurare amicizie, e spesso si traducono in attività di inserimento lavorativo.

Dall’altra parte, danno la possibilità anche agli adulti, ai professionisti e agli studenti di mettersi in relazione tra loro e con i ragazzi malati, portando ciascuno la propria competenza ed esperienza di vita, in uno scambio reciproco e positivo.

Il Bullone è anche il loro giornale mensile: interviste, emozioni, storie, scritte dai ragazzi malati e non che insieme a volontari incontrano persone e personaggi importanti che possono essere esempi ispiratori per i giovani e per un mondo migliore. Il Bullone è una testata autonoma, che non contiene pubblicità, nata a dicembre 2015.

 

 

 

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA