Al Polo Sud in solitaria per 1600 km: come si è allenato Colin O’Brady?

colin-obrady-slitta

Aggiornamento del 27 dicembre 2018: Colin O’Brady ha completato la sua Antarctica Ultramarathon, la traversata dell’Antartide in solitaria e senza aiuti. Partito il 18 ottobre scorso, ha percorso 1600 km fra i ghiacci e i venti fortissimi del Polo sud in 54 giorni, arrivando alla meta finale il giorno di Santo Stefano con la sua slitta trainata con gli sci. All’arrivo ha postato un messaggio sul suo profilo Twitter, dedicando la sua impresa a chi sogna l’impossibile: “Questo progetto è dedicato a chiunque pensi che i suoi sogni siano impossibili. Fai il primo passo. Rendilo possibile”.

 

 

Qui il suo messaggio su Twitter. Di seguito il nostro articolo sulla sua preparazione all’impresa, che ha coinvolto la sua mente tanto quanto il corpo

 

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Day 54: FINISH LINE!!! I did it! The Impossible First ✅. 32 hours and 30 minutes after leaving my last camp early Christmas morning, I covered the remaining ~80 miles in one continuous “Antarctica Ultramarathon” push to the finish line. The wooden post in the background of this picture marks the edge of the Ross Ice Shelf, where Antarctica’s land mass ends and the sea ice begins. As I pulled my sled over this invisible line, I accomplished my goal: to become the first person in history to traverse the continent of Antarctica coast to coast solo, unsupported and unaided. While the last 32 hours were some of the most challenging hours of my life, they have quite honestly been some of the best moments I have ever experienced. I was locked in a deep flow state the entire time, equally focused on the end goal, while allowing my mind to recount the profound lessons of this journey. I’m delirious writing this as I haven’t slept yet. There is so much to process and integrate and there will be many more posts to acknowledge the incredible group of people who supported this project. But for now, I want to simply recognize my #1 who I, of course, called immediately upon finishing. I burst into tears making this call. I was never alone out there. @jennabesaw you walked every step with me and guided me with your courage and strength. WE DID IT!! We turned our dream into reality and proved that The Impossible First is indeed possible. “It always seems impossible until it’s done.” – Nelson Mandela. #TheImpossibleFirst #BePossible

Un post condiviso da Colin O’Brady (@colinobrady) in data:

La traversata solitaria di Colin O’Brady al Polo Sud

C’è un uomo che sta facendo la traversata dell’Antartide per raggiungere il Polo Sud, da solo. Ma davvero da solo, senza mezzi di supporto e soccorso, senza troupe cinematografiche al seguito. Niente.
È un americano dell’Oregon di 33 anni, Si chiama Colin O’ Brady e sta provando a fare qualcosa che nessun essere umano è mai riuscito a fare: una traversata di mille miglia (1600 chilometri) a piedi e con gli sci verso il mito terribile del Polo Sud. È da oltre un secolo che l’uomo ci prova ma nessuno ci è mai riuscito: i coraggiosi o si sono ritirati dell’impresa o sono morti fra i ghiacci. Lui conta di farcela in 70 giorni di cammino.

 

Si sa poco o nulla di quel che sta succedendo a O’Brady perché in certi momenti nessuno lo può raggiungere. Le ultime notizie sono quelle pervenute dalla rivista Business Insider che lo ha intercettato in un Air BnB a Punta Arenas in Cile poco prima della partenza su un cargo russo verso l’Antartide.
Così si è capito come l’americano si sta muovendo, ovvero trainando una doppia slitta carica di materiali per la sua sopravvivenza per un totale di 181 kg. Un centinaio di chili di cibo – barrette energetiche ipercaloriche e pasti da astronauta per arrivare a 8 mila calorie al giorno.

Poi zaino, tenda, sacco a pelo, fotocamere, GPS, un telefono satellitare per le emergenze e i messaggi. E un solo paio di mutande (“puzzerò molto alla fine”, dice) e uno di calzini di ricambio.

 

colin-obrady-polo-sud

 

Perché attraversare da solo il Polo Sud

Perché Colin O’Brady è un avventuriero che fa queste cose. E non è un novellino: ha già camminato al Polo Sud e al Polo Nord e prima di questo tentativo è appena tornato da un trekking di 644 chilometri in Groenlandia, in 30 giorni.

Nel 2016 ha scalato le cime più alte dei 7 continenti, Everest compreso, in soli 139 giorni, diventando il più veloce a compiere questa impresa e conquistando li premio Explorers Grand Slam

Ma la traversata antartica in solitaria senza supporto significa alzare l’asticella al massimo, dove nessuno è mai arrivato.

 

I grandi esploratori, alpinisti, atleti del mondo outdoor, sanno darci consigli per vivere le avventure, anche piccole, al meglio e imparare da esse. Ecco cosa ci hanno insegnato questi grandi personaggi:

 

>> LEGGI ANCHE: Apa Sherpa, l’uomo che ha scalato l’Everest più volte di tutti

 

Il percorso di 1600 km al Polo Sud da solo

O’Brady è dunque partito dal Ghiacciaio Ross, dopo essere stato depositato lì dall’aereo russo. Con gli sci ai piedi sta puntando verso Monte Markham (4300 metri) verso il Polo Sud, per poi finire il suo itinerario al ghiacciaio Ronne, presso il mare di Weddell.

Dovrà tenere una media di 22,5 km al giorno in marce da 10-12 ore con al slitta appresso a una temperature media di -28,2 gradi Celsius. Questa è la stagione dell’estate antartica, con 24 ore di sole al giorno, per questo nella sua dotazione non manca una mascherina per dormire al buio.

 

>> LEGGI ANCHE: Trekking in Patagonia: in Cile il nuovo cammino della Route of Parks, fino a Capo Horn

 

Come si è preparato O’Brady per la traversata antartica

Lo sappiamo: i trekking zaino in spalla migliorano l’autostima e aiutano nel problem solving. Ma qui è un’altra cosa. Si è allenato duramente (squat, sollevamento pesi, piegamenti fino allo sfinimento), mettendo su 9 kg di muscoli e grasso oltre ai suoi 74,8 kg per affrontare il freddo e le fatica. (qui puoi scoprire quali sono i segreti per allenarsi bene con i pesi)

Ma O’Brady ha anche allenato la mente per controllarla durante 70 giorni di sfide e solitudine: ad esempio grazie allo yoga Vipassana, in prove di 10 giorni di assoluto nulla e silenzio. (Se vuoi scoprire quanto possa aiutare lo yoga nello sviluppo del corpo e della mente leggi qui)
Bè, ogni tanto O’Brady potrà telefonare ala moglie, ma sporadicamente, per non spendere troppi soldi (lì le telefonate satellitari costano un occhio della testa). E quando possibile posterà immagini e pensieri sul profilo Instagram e Twitter.

 

 

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Day 1: THE DAY IS FINALLY HERE! After years of dreaming and planning, today I left Union Glacier on this twin otter plane and got dropped off all alone on the sea ice at the coast of Antarctica to begin my journey to cross the continent solo, unsupported and unaided. When the plane dropped me off and flew away, the first thing I noticed was the quiet. Wow! I’ve never felt quite so small. Full of emotion, excitement and perhaps a little intimidated by the task at hand, I loaded up my sled, slipped on my harness and took my first steps South toward the Pole. “A journey of a thousand miles begins with a single step…” A saying has never before been quite so apropos. #TheImpossibleFirst #BePossible

Un post condiviso da Colin O’Brady (@colinobrady) in data:

L’avversario sulla strada

Passato il Polo Sud geografico, O’Brady pensa di poter accelerare il suo cammino, grazie a una slitta più leggera. Compirà una L dirigendosi verso la banchisa dell’Antartide occidentale. Si può seguire il suo tracciato GPS qui.

Nel frattempo pare che un altro coraggioso avventuriero si sta muovendo per la stessa impresa, partendo dal lato opposto a quello di O’Brady, l’inglese Louis Rudd. E non è escluso che i due possano incontrarsi.

 

 

 

Se vuoi saperne di più sui cammini più belli del mondo, e su come affrontarli, leggi qui:

I 9 percorsi più spettacolari del mondo da fare in bici

La Rota Vicentina, le tappe del cammino più bello del Portogallo

Trekking nei Balcani, come fare a piedi il nuovo sentiero High Scardus Trail

I Balcani in bici, da solo: un viaggio pazzesco fra Albania, Montenegro, Bosnia e Croazia

Wild Atlantic Way in Irlanda: le tappe del percorso più remoto nelle Northern Headlands

Il trekking del lupo, tra le Alpi Marittime e il Mercantour

Into the Wild in Italia: viaggio nelle aree più remote e selvagge

La Via Francigena, a piedi attraverso l’Europa

In Alaska, sulle tracce di ‘IntoThe Wild’

Il deserto del Negev in Israele a piedi o in bici, le tappe di un viaggio epico, da fare in inverno

 

 

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA