Sesso, le dimensioni contano, se sei un salmone

sesso-le-dimensioni-contano-se-sei-un-salmone

Per il salmone atlantico, le dimensioni contano quando si tratta di amore (diciamo più di sesso e riproduzione). I maschi e le femmine più grandi che possono trascorrere fino a quattro anni in mare producono molti più figli: lo spiega uno studio dell’Università di Helsinki e del Natural Resources Institute Finland.
Come la maggior parte degli animali in natura, il salmone non è monogamo e può avere fino a otto partner nella fase di accoppiamento, cosa che garantisce una fecondazione efficace delle uova e la trasmissione dei loro geni alla generazione successiva.
Del resto il processo di corteggiamento e riproduzione dei salmoni è una corsa faticosa: una volta arrivati nel loro campo di riproduzione, i pesci devono combattere per la possibilità di accoppiarsi con membri del sesso opposto. E alla fine il vincitore è il pesce più grande, che produce la maggior parte della prole.

Sesso, le dimensioni contano se sei un salmone

La maggior parte dei salmoni nel fiume Teno trascorrono tra uno e quattro anni in mare prima di migrare per riprodursi. Più tempo trascorre il salmone in mare, più le dimensioni crescono. Le femmine impiegano generalmente tra 2-3 anni per maturare.
Lo studio ha dimostrato che per ogni anno trascorso in mare, le femmine aumentano di oltre 4 kg di peso corporeo e producono il 60% in più di prole. I maschi, d’altra parte, guadagnano quasi 5 chilogrammi di peso corporeo e producono il 200% in più di prole per ogni anno che trascorrono in mare. Ciò significa che il salmone più grande, in particolare i maschi, ha un netto vantaggio quando si tratta di trovare compagni.
Tuttavia, passare più tempo in mare comporta un costo significativo. Pochissimi di questi vecchi pesci più grandi ritornano alla deposizione delle uova. “Questo è presumibilmente perché passare più tempo in mare espone i pesci più a lungo ai predatori, alla pesca e alle malattie e quindi a un rischio maggiore di morte prima di avere la possibilità di riprodursi”, spiegano gli autori.

I salmoni più grandi hanno più partner

Lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica Molecular Ecology, fa parte di un programma di monitoraggio a lungo termine. Un piccolo pezzo di tessuto pinna è stato rimosso per l’impronta genetica di oltre 5000 adulti e giovani prima che fossero rimessi in libertà. Gli adulti sono stati inoltre dotati di un tag di identificazione unico.
“Si è prestata molta attenzione a non danneggiare il pesce“, spiega il Dr. Kenyon Mobley, autore principale dell’articolo.
Nella popolazione in studio, le femmine sono un prodotto raro. Ci sono fino a sette maschi per ogni femmina nel terreno di riproduzione vicino all’ingresso del fiume Utsjoki.
Avere un numero elevato di maschi probabilmente aumenta le lotte tra i maschi per avere opportunità di accoppiarsi con le poche femmine disponibili. Perché così poche femmine ritornino in questo particolare sito rimane un mistero, poiché altre località nel fiume Teno hanno un mix più equilibrato di maschi e femmine.
(foto PicturesofScotland  pixabay)

 

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA