Vacanza zaino in spalla: cosa portare

Vacanza zaino in spalla cosa portare

La vacanza zaino in spalla è spesso il primo vero viaggio da soli che si fa nella vita. Un tempo erano Interrail, autostop e traghetti, ora spesso sono voli low-cost, ma la sostanza non cambia: le vacanze zaino in spalla sono l’essenza della libertà, dell’improvvisazione, della scoperta e dell’adattamento, sia che si vada per città sia che la meta siano aree naturali, grandi parchi, montagne, campeggi o aree remote del mondo. Il problema però, mutatis mutandis, è sempre quello: cosa portare per una vacanza zaino in spalla?

Vacanza zaino in spalla: cosa portare

Per decidere cosa portare per una vacanza zaino in spalla bisogna farsi guidare dalla prima legge di ogni vero viaggiatore: meno è meglio. Uno zaino leggero è il segreto di ogni vero backpacker, capace di ridurre all’essenziale il proprio bagaglio senza rinunciare all’indipensabile. L’errore di partire con uno zaino enorme e pesantissimo l’abbiamo commesso tutti per poi ritrovarci, a fine viaggio, con roba che non avevamo mai usato ed esserci resi conto, in mezzo al viaggio, che ci mancava inevitabilmente qualcosa di davvero utile.

Viaggiare con uno zaino leggero ha solo dei vantaggi:

  • Con le compagnie low-cost potete portarlo in cabina, e non si rischia di pagare il sovrapprezzo per metterlo in stiva
  • Su autobus, taxi collettivi, pulmini e altri mezzi di trasporto più o meno di fortuna che si trovano in molte parti del mondo potete metterlo sotto il sedile o tenerlo tra le gambe anziché lasciarlo nei gavoni, dove si rischiano furti e comunque si rovinano
  • Se tocca di camminare parecchio è decisamente meglio avere kg in meno che di troppo
  • È più facile trovare lock room, armadietti e deposito bagagli dove lasciarlo

Però per fare uno zaino leggero (e qui trovi i consigli su come sceglierlo) bisogna essere molto rigorosi nella scelta di cosa portare per le vacanze zaino in spalla. Essenzialmente serve fare i conti precisi per:

  • Abbigliamento
  • Calzature
  • Prodotti per l’igiene
  • Accessori vari

Vacanza zaino in spalla: che vestiti portare

Per decidere che vestiti portare per una vacanza zaino in spalla la regola da seguire è quella del 3. 3 t-shirt, 3 mutande e intimo, 3 calze, 3 pantaloni / gonne / leggings. In pratica: un paio si indossa, un paio è pulito pronto all’uso, un paio è sporco da lavare o appena lavato e quindi ad asciugare. La regola non vale ovviamente per costume da bagno (sempre utile, ne può bastare uno, oppure 2 che tanto sono leggeri e occupano pochissimo spazio), felpa (che però è voluminosa, e si può ovviare con un mid-layer tecnico che tiene caldo, se necessario, si comprime occupando poco spazio e se si bagna si asciuga in fretta) e giacca antipioggia (no alle cerate, rigide e voluminose, sì a giacche comprimibili e compattabili, che si possono mettere anche nella tasca esterna dello zaino). Piccolo trucco: a meno di non finire in aree davvero remote e isolate, tendenzialmente una bancarella che vende t-shirt o mutande si trova ovunque nel mondo, e rimpiazzare un capo è davvero l’ultimo dei problemi.

Vacanza zaino in spalla: quante scarpe portare

2+1 è la risposta. Che non significa necessariamente 3 ma dipende da dove si vuole andare. In ogni caso: servono senza dubbio un paio di infradito e un paio di scarpe principali. Per le infradito il discorso è presto fatto: si possono usare nei servizi igienici o per fare la doccia come per andare in spiaggia e anche per andare in giro (gran parte dell’umanità, fuori dall’occidente industrializzato, vive in ciabatte, e in molte zone calde e umide del mondo è la soluzione migliore, a patto di lavarsi i piedi a fine giornata). Le scarpe dipende da dove si intende andare: per un tour delle città tipo Interrail vanno bene le sneaker, per un viaggio in aree naturali qualcosa di più tecnico come delle scarpe approach o basse e leggere da trekking (per andare per rifugi è un’altra cosa, e allora servono scarponi tecnici da montagna, ma non è questo il tema). Il +1 possono essere dei sandali tipo Birkenstock o tecnici come quelli di Teva: li agganci all’esterno dello zaino, li puoi usare in sostituzione delle infradito ma anche per escursioni varie e sono un autentico passepartout.

Vacanze zaino in spalla: che prodotti per l’igiene portare

Se la regola è ridurre al minimo peso e volume, e c’è in previsione di prendere anche dei voli low cost portando lo zaino in cabina, allora la trousse da bagno deve essere ridotta all’osso: spazzolino, dentifricio in confezione da viaggio, 1 flaconcino di doccia-shampoo (eventualmente da riempire di volta in volta se e quando si dorme in sistemazioni che ne mettono a disposizione) e 1 deodorante piccolo. Stop. Il resto dello spazio nel travel canister può essere occupato da qualche medicinale di immediato uso e necessità (cerotti, antidolorifico, etc).

Cos’altro portare per una vacanza zaino in spalla

Ci sono poi un po’ di cose che possono risultare sempre utili durante una vacanza zaino in spalla. La prima per dormire: un sacco lenzuolo (ottimo anche nei rifugi) e/o un sacco a pelo (qui la nostra guida alla scelta) possono essere sempre utili, tra ostelli, notti in traghetto o treno, bivacchi o altre sistemazioni più o meno di fortuna. Il coltellino svizzero multiuso dovrebbe essere nella dotazione di ogni backpacker, ma se pensi di viaggiare su aerei low-cost portando il bagaglio a bordo devi prevedere che te lo faranno lasciare a terra ai controlli. Una borraccia di metallo (come queste in acciaio) è sempre utile, almeno per evitare la proliferazione della plastica nel mondo e ridurre un po’ l’impatto ambientale del tuo viaggio. Una tazza di metallo e un set di posate (anche nella versione “spork” di cucchiaio, coltello e forchetta tutti in uno) possono risolvere molte situazioni nei pasti. Idem una lampada frontale (e ce ne sono di davvero piccole e potenti come questa), un lucchetto (meglio a combinazione, così non rischi di perdere la chiave) e un telo asciugamano in microfibra (non asciugano molto ma si asciugano in fretta e occupano poco spazio) che fanno sempre parte del sottoinsieme delle cose indispensabili e necessarie.

Credits photo: Pexels

©RIPRODUZIONE RISERVATA