Tutti i trucchi per organizzare le vacanze in pulmino

vacanze in pulmino consigli

Fare le vacanze in pulmino regala uno straordinario senso di libertà. Gli americani la chiamano Vanlife, ed è una vera e propria filosofia di vita: mollare quasi tutto, vivere in un furgone andando alla ricerca delle location più belle dove sostare, tra aree naturali, montagne in cui correre (come fa Anton Krupicka per esempio) o scalare (come fa anche Alex Honnold quando prepara le sue imprese), coste e tratti di mare dove surfare. Ma l’America è l’America e da noi le cose sono un po’ diverse (per esempio non è sempre possibile sostare dove si vorrebbe) e tuttavia le vacanze in pulmino on the road (meglio ancora se è il mitico VW) sono un’esperienza da fare, come quelle zaino in spalla.

Vediamo allora come organizzarsi per fare vacanze in pulmino, cosa serve e cosa lasciare a casa, e come programmare il tutto (sì, la libertà è bella, ma ci sono anche cose da programmare per non rischiare di trovarsi la sera tardi, a km di distanza dal primo centro abitato, e senza nulla da mangiare…)

Vacanze in pulmino: 9 consigli per organizzarle

1. Informati su dove puoi parcheggiare

In Italia la legislazione è come sempre caotica, tra ‘camper service‘, parcheggi, punti sosta ed aree attrezzata, e in ogni caso è tendenzialmente vietato sostare al di fuori di queste aree e in zone naturali o remote. Non è solo un problema di sanzioni e multe (nel caso devi fare i conti solo con il tuo conto in banca) ma anche di rispetto e tutela della natura. La libertà delle vacanze in pulmino è bella fino a quando non lascia impronte del proprio passaggio nella natura. Fuori dall’Italia le leggi variano altrettanto, quindi informati prima di partire.

2. Porta l’essenziale

Un fornelletto da campeggio con il necessario per i pasti (una pentola e un tegame, piatti, posate e tazze di metallo), una doccia portatile, un coltellino svizzero (qui la nostra guida all’acquisto), sacco a pelo (qui la nostra guida all’acquisto), una tendina di scorta (non si sa mai, ma può sempre tornare utile), un tavolino e due sgabelli pieghevoli, una lampada a gas, una torcia frontale, accendino per accendere il fornello è davvero l’essenziale per fare le vacanze in pulmino. Pannello solare, power bank, sdraio, tendalino e/o ombrellone, stuoia da mettere all’esterno del furgone sono i piccoli lussi che ti puoi concedere.

3. Lascia a casa il superfluo

Per l’abbigliamento vale la stessa regola di quando si organizza un viaggio zaino in spalla, cioè la regola del 3: 3 capi d’abbigliamento d’uso quotidiano (intimo, t-shirt, pantaloni) e 1 di uso saltuario (pile o giacca, pantaloni lunghi, etc). 1 paio di infradito (per la doccia e per la spiaggia, se vai verso i climi caldi) e un paio di sneaker o calzature per escursioni bastano e avanzano. Anche perché poi avrai tutto quello che ti piace portare per fare lo sport che ti piace.

4 Organizzati

Ok, le vacanze in pulmino sono sinonimo di libertà, poi però un minimo di idea sul tempo che ci vuole, le distanze e le ore di guida è fondamentale per non passare le proprie ferie a guidare da mattina a sera. Per quello ci sono le tangenziali ogni santo giorno dell’anno.

5. Fai scorta

Di acqua potabile sicuramente, e ogni camper o furgone attrezzato dovrebbe avere un gavone per le acque chiare sanificato. E poi di cibo: non che sia obbligatorio fare il menu della settimana, ma un minimo di organizzazione e di cambusa, per non dover ogni giorno cercare un negozietto locale per mettere insieme il pranzo con la cena perdendo un sacco di tempo, alla fine risulta utile.

6. Non inquinare

La regola vale sempre, in questo caso a maggior ragione: lascia i posti come li hai trovati, organizza una raccolta differenziata nel tuo furgone (già se usi borracce di acciaio puoi rinunciare serenamente alla plastica; se acquisti frutta e verdura ai mercati la puoi tenere nel frigorifero per qualche giorno; l’alluminio di qualche scatoletta d’emergenza lo puoi sciacquare e tenere con te finché non trovi un punto di raccolta differenziata; etc). Ancor più importante: svuota le acque nere solo dove è possibile (in ogni Paese ci sono aree attrezzate lungo le autostrade, se proprio non vuoi fermarti in un’area di sosta o in un campeggio) e non usare shampoo e detergenti inquinanti quando fai la doccia (ne esistono di ecologici che non inquinano).

7. Portati un libro e della musica

La sera, alla luce della tua lampada frontale, sorseggiando una bella birra, non c’è niente di meglio che leggere un buon libro o magari osservare il cielo ascoltando della buona musica (e se usi Spotify o simili assicurati di avere la connessione dati e abbastanza carica allo smartphone). In alternativa ci sarebbe anche Netflix, ma davvero ti serve quando ti trovi nella natura?

8. Tieni separate le due copie delle chiavi

Perché hai 2 copie delle chiavi vero? Comunque, organizzati per non correre il rischio di perderne un paio e lasciare l’altro chiuso dentro il furgone. Se siete in 2 o più, datevi delle consegne precise, se sei da solo trova 2 posti distinti in cui tenere le due chiavi. Il rischio è trovarsi chiuso fuori dal furgone, di notte, al buio e al freddo, e dover aspettare la mattina dopo per chiamare un fabbro.

9. Tieni pulito

Lava i piatti, le pentole e i bicchieri, spazza l’interno del furgone, lava i vestiti, tieni separata la spazzatura, non gettare carte e cartine per terra all’interno: la libertà di una vacanza è bellissima, vivere in una discarica ambulante manda fuori di testa anche Gandhi e il Dalai Lama. Non che devi passare con la vaporella ogni giorno, ma un minimo di ordine e igiene sono indispensabili.

Photo by Alfonso Escalante from Pexels

©RIPRODUZIONE RISERVATA