Le piante per combattere l’inquinamento in casa

La tillandsia è efficace contro le onde elettromagnetiche
Credits: HK James Ho

Siamo sempre all’erta quando la concentrazione di polveri sottili raggiunge livelli estremamente alti nell’atmosfera, ma spesso dimentichiamo che anche le nostre case, lungi dall’essere baluardi sicuri e isolati dall’esterno, sono la culla di altre sostanze altrettanto nocive per il nostro organismo. Stiamo parlando del cosiddetto inquinamento indoor: fumo delle sigarette, esalazioni di prodotti chimici usati per le pulizie, vapori di colle e vernici rilasciati dai mobili. E ancora le nuvole di polvere coi loro fastidiosi acari, le pozioni di formaldeide, tricloroetilene, anidride carbonica, benzolo – la lista potrebbe continuare.

Come potete fare per combattere gli effetti dannosi dell’inquinamento tra le quattro mura? Facile: disseminate vasi e vasetti abitati dagli amici dal mondo vegetale. Alcune piante possiedono infatti poteri benefici utili anche a ripulire l’aria casalinga, innescando un processo di fitodepurazione. Ecco una lista di piante che ci vengono in aiuto.

Contro le onde elettromagnetiche: la tillandsia
Nelle nostre case ormai ci sono più apparecchi elettronici che persone. Non dimentichiamo che producono una cattiva compagnia: le onde elettromagnetiche. La tillandsia, piccola piantina piuttosto autosufficiente, ha il potere di assorbire proprio queste radiazioni.

Contro gli agenti chimici: aloe vera, lingua di suocera, azalea
Oltre a curare le irritazioni della pelle, l’aloe vera è l’ideale per depurare l’aria infestata da agenti chimici. Contro i vapori dei detergenti per le pulizie piantate una lingua di suocera – il nome potrà farvi rabbrividire, ma i suoi poteri sono davvero strabilianti: è portentosa per neutralizzare agenti chimici come la formaldeide. Anche l’azalea è perfetta per purificare l’aria da queste sostanze pericolose, ma, a differenza delle precedenti piante che non necessitano di particolari attenzioni, ha bisogno di molta luce e più cure.

Contro il fumo: potos, gerbere e beaucarnea
Se state ancora aspettando che il vostro coinquilino o il partner la smetta con le sigarette, fate prima a munirvi di una di queste piantine che fanno strage di monossido di carbonio. Il potos, in particolare, è caldamente consigliato per la sua velocità riproduttiva: immergete un rametto nell’acqua e ne nasceranno molti altri.

Si ringrazia Econote.it, magazine indipendente che si occupa di ecologia e sostenibilità da più punti di vista: architettura, attualità, mamme e papà, viaggi, marketing, animali, libri, risparmio e decrescita, racconti, arte. 

©RIPRODUZIONE RISERVATA