Al lavoro con la bici elettrica: abbigliamento e accessori indispensabili

andare al lavoro con la bici elettrica

Per andare al lavoro con la bici elettrica servono anche abbigliamento e accessori adatti. Giacche specifiche per sfidare intemperie e dotate di protezioni adeguate a minimizzare gli eventuali danni da caduta ma anche un casco adeguato. Ecco allora i nostri consigli per il carrello dei desideri per diventare il perfetto commuter in ebike.

Pubblicità

Il casco
A metà strada tra una pratica urbana tranquilla e un approccio puramente sportivo, il commuting non ha ancora una collezione di caschi specifici. Tuttavia, ci sono molte caratteristiche che vanno considerate nella scelta del casco da indossare ogni giorno. Oltre lo stile, elegante e sobrio, i caschi urbani sono caratterizzati dalla grande comodità e dalla generosa imbottitura. Esistono anche modelli con visiera – amovibile o meno -, luce integrata o altri inserti catarifrangenti, utilissimi in caso di giri in notturna. Su alcuni modelli è possibile usare il kit invernale in opzione per tenere la testa e le orecchie al caldo durante la stagione invernale. Uno dei massimi rappresentati della categoria è l’Abus Pedelec 2.0 un casco da bicicletta che soddisfa gli elevati requisiti di sicurezza della grande città. Con la sua profonda zona del tempio offre a chi lo indossa una protezione molto ampia. Inoltre, il Pedelec 2.0 è dotato di un cappuccio antipioggia integrato che può essere tirato velocemente sopra il casco quando compaiono le prime gocce di pioggia, una luce ultra luminosa ricaricabile e la visiera sostituibile forniscono un’ulteriore protezione passiva.

Abbigliamento per andare al lavoro in e-bike
Sull’abbigliamento è imprescindibile una giacca comoda e funzionale, che protegga dalle intemperie. Vi consigliamo il prodotto di punta della linea #TUBIKE di Tucano Urbano, il Magic Parka, premiato con il Gold Eurobike Award 2017. All’apparenza un classico parka a ¾ traspirante e impermeabile fino a 10.000 colonne d’acqua, ma che tramite due cerniere nella parte laterale inferiore diventa in un lampo una mantella-copri gambe anti pioggia da bici, dotata di guanti a scomparsa e di anelli elastici ancorabili al pollice o al manubrio, per garantirne la stabilità durante l’uso, oltre al cappuccio ergonomico regolabile utilizzabile con o senza casco. Inoltre è dotata di fascette catarifrangenti sulle maniche e sulla schiena per segnalare la propria presenza sulle strade in condizioni di scarsa illuminazione e all’interno della giacca possono essere applicate anche delle protezioni per schiena, gomiti e spalle. È provvisto di imbottitura rimovibile, così da poter essere usato per tutte le stagioni.

Se cercate invece qualcosa di più specifico per ebike dovete prendere in considerazione la gamma Pure Electric che ha vinto il Gold Award a Eurobike 2015, superando la concorrenza dei più grandi e importanti marchi di abbigliamento sportivo. L’abbigliamento Pure Electric nasce da una semplice constatazione: così come le e-bike possono essere considerate un ibrido fra moto e bici, anche per quel che riguarda l’abbigliamento da indossare occorre pensare a indumenti che tengano in conto la differenza fra pedelec e bicicletta normale, tutelando il ciclista con materiali e certificazioni di alto livello, senza però perdere l’aerodinamicità e la leggerezza tipiche degli indumenti da ciclista.

In catalogo Pure Electric ci sono giacche, pantaloni, t-shirt, gilet e giubbotti realizzati in tessuti altamente resistenti (sottoposti a più di 2.000 cicli del test Martin Dale) e dotati di protezioni in schiuma di poliuretano per le parti più esposte del corpo con la possibilità di estrarre tramite sistema IPS (Integrated Protection System) i vari protettori dalle loro sedi con estrema facilità, dando l’occasione di trasformare l’abbigliamento a seconda delle occasioni e delle esigenze. In particolare spicca la giacca Diamond, che ha inanellato una serie di premi di design tra cui l’European Design Award. Con protezioni CE certificate di Livello 1 su spalle e i gomiti è caratterizzata dalla tasca “diamante”, accessibile solo dall’interno, può contenere la leggerissima Rain JKT waterproof o in alternativa il PAD Shock Absorber, un Hydroback o diventa una pratica tasca per il portafoglio. Realizzata con tessuti tecnici distribuiti su zona differenziate: antiabrasione nelle parti che possono venire a contatto con il terreno ed elastici nelle altre zone ed elementi di ventilazione, ghette al polso e con i protettori dei gomiti regolabili su tre misure diverse.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità