Prova – Zaino The North Face Surge II Charged

The North Face Surge II Charged
The North Face Surge II Charged

Per lavoro o piacere, sempre più spesso abbiamo bisogno di circolare con device digitali per rimanere connessi, scattare foto, raccontare le nostre imprese sui social, cercare informazioni di viaggio. Accesi e funzionanti, si intende. In commercio esistono prodotti per mantenere i dispositivi in carica mentre siamo in movimento, ma sono in genere piuttosto limitati.

Pubblicità

Così The North Face ha scelto di integrare un sistema di alimentazione delle batterie direttamente in uno zainetto, questo Surge II Charged. L’idea non è niente male, perché la soluzione studiata dalla casa americana risponde a molte esigenze pratiche e soprattutto elimina ogni preoccupazione rispetto alla carica dei dispositivi. Non a caso ha vinto il premio Ispo 2013 nella categoria zaini-action.

Questo Surge viene definito “da città”, ma in realtà è un tuttofare da 32 litri che si comporta bene un po’ dappertutto – ha anche uno scomparto per la borraccia, un moschettone e alcune caratteristiche presenti negli zaini da escursionismo. Dopo averlo utilizzato come borsa da lavoro, lo abbiamo portato con noi durante due settimane di scarpinate fra mare e colline e ci ha pienamente convinto. 

Naturalmente il sistema messo a punto da North Face non può caricare i computer laptop, ma solo smartphone, tablet e lettori mp3.

La batteria è una solida Joey ai polimeri di litio, waterproof e resistente agli urti, sviluppata specificamente per le attività outdoor. È composta da una unità di base (11,5 x 7,1 x 1,5 cm), che sta in una tasca in poliuretano, e di un satellite (5,7 x 3,1 x 1,8 cm) per attaccarci i cavi usb o micro usb (uno è in dotazione).

Inseriamo la presa nel nostro Galaxy Tab, che posizioniamo nello scomparto apposito in neoprene e protetto per tablet e computer (ci sta un 17”) e camminiamo dimenticandoci della tavoletta (c’è anche la carica veloce). Idem per il Mini iPad che teniamo nell’altro alloggiamento. O per lo smartphone, che spostiamo di tasca in tasca a seconda dell’uso più o meno frequente che ne facciamo:molto comoda per esempio quella con zip sul lato destro, che raggiungiamo con la mano al terzo squillo.

Lo zaino ha dei piccoli buchi fra uno scomparto e l’altro per far passare i fili ed evitare complicazioni logistiche, così che possiamo lasciare i nostri gadget sempre al loro posto: è un plus che aumenta il comfort.

The North Face promette compatibilità con quasi tutti i prodotti portatili: Apple, Android, Kindle, ebook, tablet e smartphone di tutte le case, foto e videocamere, gps, auricolari Bluetooth, stampanti e scanner da viaggio, torce da testa, eccetera.

In vacanza la batteria ci permette oltre una settimana di ricariche parziali, mentre sul lavoro usiamo lo smartphone a ritmi più sostenuti e ogni 2-3 ricariche complete dobbiamo rifocillare la batteria Joey tramite il cavo usb; per capire a che punto è la carica ci sono tre led molto visibili. In ogni caso la batteria ottimizza la gestione spegnendosi o passando in modalità “sospesa” quando i device sono pieni di energia.

L’altro aspetto del Surge, ovvero lo zaino vero e proprio, è un ottimo supporto per escursioni brevi e gite in spiaggia, o come ‘muletto’ d’appoggio per una vacanza lunga. Ha tre scomparti principali: quello per il laptop, un organizer e uno in mezzo a questi, ampio e profondo. Ma anche una miriade di tasche, reti e zip per le esigenze più varie.

Non è leggerissimo (1,5 kg), ma in spalla non lo sentiamo, anche perché ha lo schienale imbottito e il canale per la colonna vertebrale, mentre gli spallacci sono leggeri e ben sagomati. Ci sono anche una cintura pettorale e una ventrale per le passeggiate più lunghe o impegnative (ma niente a che vedere con quelle degli zaini da escursione o da arrampicata). Le cerniere sono tutte in materiale isolante antiacqua, cosa che ci lascia tranquilli sulla sicurezza dei nostri gadget.

Finita la vacanza… continuiamo ad utilizzare il Surge nelle attività quotidiane

Pro: multifunzione. La durata della batteria. Buono per tutte le stagioni e occasioni

Contro: un po’ lenta la carica della batteria-base

Adatto a: chi si muove outdoor per lavoro, chi non riesce più a muoversi senza gingilli digitali

Giudizio: ★★★★☆

Prezzo: 180 euro

Per informazioniThe North Face

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità