Il Sentiero della Pace, trekking fra storia e natura

Quarta tappa
Dal Rifugio Trivena si scende per la Val di Breguzzo fino al bivio di Ponte Pianone, dove si svolta a destra proseguendo per una stradina asfaltata. Giunti all'imbocco della Val d'Arnò si prende il sentiero 262 salendo sulla Cima del Monte Corona (2508 m). Si prosegue scendendo verso sud sulla dorsale del Corno Vecchio, si valica il Dosso dei Morti e il successivo Dosso Grullo per poi arrivare nei pressi del Forte di Lardaro e di qui a Fontanedo. Tempo complessivo: 10 ore circa. Una tappa di media difficoltà che presuppone assenza di vertigini nei passaggi in cresta.

Credits: galloste

[slideshow post_id=”19745″]

Il Trentino-Alto Adige custodisce l’importante eredità storica legata agli avvenimenti della Prima Guerra Mondiale. Un’occasione unica per unire la passione per la storia a quella per l’escursionismo è il Sentiero della Pace, un itinerario che attraversa i luoghi più rilevanti del fronte italo-austriaco durante il primo conflitto mondiale.

Il percorso si sviluppa per circa 500 chilometri lungo sentieri, strade forestali, trincee e camminamenti che congiungono il passo del Tonale alla Marmolada. Realizzato fra il 1986 e il 1991, è soggetto attualmente a una risistemazione in onore del centenario della Grande Guerra: si tratta di un progetto patrocinato dall’Assessorato alla Cultura della Provincia di Trento che prevede un’opera di manutenzione del sentiero, il posizionamento di una nuova segnaletica e altre iniziative come la pubblicazione di un libro e una guida sull’argomento.

Il tragitto è percorribile da un normale escursionista in 28-30 giorni, ma può venirne percorsa anche una sola parte. Un segnavia con una colomba gialla guida l’escursionista lungo tutto il cammino che si snoda in 7 aree geografiche di riferimento (dal gruppo della Presanella all’Adamello, dagli Altopiani di Folgaria alla Val di Fassa) e comprende diverse tappe. Nella gallery ne descriviamo alcune particolarmente significative. Per tutte le altre informazioni si può consultare il sito www.trentinograndeguerra.it.

©RIPRODUZIONE RISERVATA