La bellissima ciclabile sull’acqua di Cavallino-Treporti con vista sulla laguna di Venezia

La bellissima ciclabile sull'acqua di Cavallino-Treporti con vista sulla laguna di Venezia

La bellissima ciclabile sull’acqua di Cavallino-Treporti, con vista sulla laguna di Venezia, è quasi pronta. In estate sarà possibile pedalare a sbalzo sull’acqua sul primo tratto di 3,5 km sul Pordelio, ma il progetto è più ambizioso: costruire la ciclabile a sbalzo più lunga d’Europa, da Cavallino a Ca’ Savio e poi verso il Faro Pagoda di Punta Sabbioni, con vista sullo skyline di Venezia, collegando tutta la sponda lagunare per oltre 20 km.
Del primo tratto di 7 km chiamato pista del Pordelio, dal nome del canale su cui affaccia, 5 sono a sbalzo sulla laguna, e da qui partirà il collegamento con la ciclabile già esistente che consente di ammirare lo skyline dell’isola di Burano, dell’isola di Sant’Erasmo e anche di Venezia, con l’inconfondibile campanile di San Marco perfettamente riconoscibile.

Pubblicità

Come per la ciclabile del Garda, già battezzata uno dei percorsi in bici più belli d’Europa ancor prima di essere completata, la passerella a sbalzo è in metallo e agganciata alla roccia del lungomare, una vera e propria terrazza a uso promiscuo, cioè per ciclisti e pedoni, dotata di illuminazione notturna e aree di sosta, dove fermarsi ad ammirare il panorama della Serenissima o rilassarsi tra un colpo di pedale e l’altro. Un’opera ingegneristica anche rispettosa dell’ambiente tipico di Cavallino Treporti, fatto di acque lagunari, barene, spiageg sabbiose tra le più frequentate d’Italia ma anche pinete e riserve naturalistiche all’interno.

E proprio nell’entroterra ci sono già altri itinerari cicloturistici come la Via delle 3 Acque, che lambisce il fiume Sile, la laguna e il mare, la Via degli Orti della Laguna, la Via delle Fortificazioni, un bel percorso a carattere storico alla scoperta del passato glorioso di Venezia, e la Via del Tramonto, che dalla spiaggia si inoltra nella pineta. Oppure, per chi è più abituato o allenato ad andare in bici, ci si può ricongiungere alla Ciclovia Trieste – Venezia in direzione di Lignano Sabbiadoro.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Nessun Tag per questo post