L’imbrago Flint di Camp messo alla prova

CAMP-Imbrago-Flint

L’imbrago Flint di Camp è uno degli imbraghi entry-level più venduti, soprattutto perché regala subito grande sensazione di sicurezza grazie al fascione che sostiene e protegge la schiena. Cintura e cosciali dell’imbrago Flint di Camp si regolano con velocità, grazie al buon materiale impiegato che scorre agilmente nelle fibbie autobloccanti, ma si sente abbastanza la mancanza di un secondo elastico per bloccare la parte di nylon in eccedenza: la porzione in eccesso penzola in maniera un po’ fastidiosa.

In caso di caduta assorbe bene lo strappo e anche rimanendo appesi per vari minuti nel vuoto non affatica la schiena. Poco significative le clip in plastica degli elastici di collegamento dei cosciali, mentre sono molto buoni gli anelli porta materiali, quattro e ben posizionati, che consentono di sganciare in fretta i rinvii. Un po’ chiuso il sistema No-Twist dell’anello di servizio: rischia di essere non utilizzabile con tutti i moschettoni.

Al test ha partecipato anche Hanan Drobiner.

©RIPRODUZIONE RISERVATA