In bici sulle colline del Soave con il sistema eBike di Bosch

bosch-ebike-soave-1

L’ultimo sabato d’estate lungo le strade del vino del Soave, a bordo di un mezzo innovativo e sostenibile. Il 17 settembre, in occasione del CosmoBike Show, il salone internazionale dedicato al mondo a pedali organizzato da VeronaFiere, abbiamo provato una bicicletta (una Ktm Action da Mtb)  dotata della nuova versione eBike System di Bosch, il sistema di propulsione elettrica per le biciclette a emissioni zero.

Pubblicità

> Leggi anche: La bici elegante che va a energia solare

Su e giù per le colline

Terminata la breve visita ai principali stand del CosmoBike Show a Verona, siamo saliti su un minivan per spostarci verso il verde e sconfinato Soave, il primo “Paesaggio rurale di interesse storico” d’Italia riconosciuto dal Ministero delle politiche agricole e forestali. Il tour a pedali inizia a Porta Verona intorno e prosegue fino allaLocanda dei Capitelli di Soave. Il percorso, in un ambiente modellato dai vigneti che intarsiano le colline, si snoda tra ripidi saliscendi sia su asfalto che su sterrato e ci consente di testare al meglio il sistema elettrico di Bosch.

> Leggi anche: Come si guida una MTB a pedalata assistita?

Il sistema eBike di Bosch

La batteria PowerPack a ioni di litio non è ingombrante, è agganciata alla parte inferiore del telaio della bici (disponibile anche per portapacchi) e si stacca con facilità, in modo tale da poterla ricaricare alla presa di corrente domestica grazie all’apposito alimentatore. La Drive Unit (comprende motore, trasmissione, sistema di controllo e sensori) assiste la pedalata a seconda della spinta che selezioniamo: possiamo tenerlo spento o scegliere, in quest’ordine, le modalità eco, tour, sport e turbo (che ci aiuta non poco nelle salite di queste zone) premendo i tasti “più” e “meno” presenti vicino alla manopola del freno anteriore. È possibile, inoltre, controllare i progressi e le intensità sul display in mezzo al manubrio.

(Credits: Fabrizio Fasanella)

Bosch mette a disposizione tre sistemi a seconda delle esigenze. Il “Performer Line CX” fornisce un supporto fino a 25 km/h e il suo motore è quello che consente l’accelerazione più rapida e sportiva, ideale anche sui terreni misti e anche sconnessi. Il “Performer Line” si divide in “Cruise” e “Speed”, il primo è adatto a una guida sportiva (massimo 25 km/h), il secondo è perfetto per gli amanti della velocità (supporto massimo fino a 45 km/h). La “Active Line”, invece, è pensata per chi vuole utilizzare la bici elettrica nella vita di tutti i giorni, con una velocità massima di 25 km/h e una partenza molto più armonica dei precedenti.

> Leggi anche: Evoluzione, la bici elettrica di Pininfarina che guarda al futuro

Le impressioni

Nella giornata di sabato abbiamo provato il “Performer Line”. In un percorso come quello del Soave la propulsione elettrica fa la differenza. Ci sono bastati 10-15 minuti per capire come gestire il mezzo e con un lieve colpo di pedale abbiamo fatto “decollare” la bici in avanti come uno scooter. Lungo le salite più difficili, anche sullo sterrato, le modalità Sport e Turbo danno l’assistenza ideale per chiunque, rendendo le passeggiate a due ruote un piacere davvero notevole – che naturalmente non ha nulla a che vedere con la soddisfazione della fatica di un’escursione in bici. In tutte le parti del percorso la fatica è stata minima e abbiamo potuto goderci a pieno le emozioni trasmesse dal panorama delle strade del vino. Nelle discese, alcune ripidissime, non abbiamo avuto bisogno di tenere acceso il motore, dato che bastava lasciarsi andare e fare attenzione coi freni.

> Leggi anche: 10 cose sbagliate da non fare in bicicletta

 

(Credits: Charley Fazio)

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità