La Fondazione Chill aumenta il proprio impegno per lo snowboard No-Profit in Italia

chill snowboard no profit

Lo snowboard No-Profit in Italia e anche tutti gli altri sport della tavola, dal sup allo skate. Questo è l’ambito in cui lavora la Fondazione Chill, fondata 25 anni da Jake Burton e dalla moglie Donna Carpenter, a margine della loro attività con il ben noto marchio di tavole e abbigliamento da snowboard. La notizia di fine 2020 è che Chill, dopo aver ottenuto molti successi negli Stati Uniti e in Canada, ha deciso di potenziare il suo lavoro sul continente europeo ed è pronta a far crescere il proprio supporto nei confronti dei giovani provenienti da situazioni di emarginazione. I nuovi programmi vorrebbero aiutare i  partecipanti a sviluppare capacità di resilienza attraverso lezioni mirate ed attività motorie stimolanti anche e soprattutto sulla neve. La mission di Chill – che a livello globale ha già dato una mano a 25.000 ragazzi in 24 città di 10 paesi nel mondo – è ispirare i medesimi a superare le proprie difficoltà attraverso lo sport e attraverso lo snowboard in particolare.

Lo snowboard No-Profit in Italia

Nei prossimi 12 mesi, Chill Europe lancerà programmi pilota in Austria, Germania, Svezia e nella sua nuova sede, la Svizzera, rispettando le restrizioni e i limiti imposti dall’emergenza Covid-19. Anche i programmi già esistenti in Repubblica Ceca e in Italia saranno revisionati e rilanciati. “Noi negli ultimi anni – ci ha detto Pietro Colturi di Burton Italia che segue il progetto – abbiamo già portato centinaia di ragazzi con la tavola ai Piani di Bobbio e a Madonna di Campiglio e abbiamo in programma di farlo anche nel 2021, aggiungendo ulteriori attività appena possibile”

chill snowboard no profit

L’obiettivo di Chill Europe…

…è quello di attivare almeno un programma  in ogni città europea in cui avrà ottenuto il riconoscimento entro la fine del 2021. I programmi Chill dovrebbero infine diffondersi in tutta Europa, offrendo programmi di sviluppo giovanile ai giovani in difficoltà di tutto il continente. Oliver Zaletel, Amministratore Delegato presso Burton Europe, è emozionato all’idea di vedere l’evoluzione del capitolo Chill Europe. “Avere un’organizzazione formale di Chill in Europa è un grande passo e sono molto felice di poterlo vedere prendere forma,” afferma Zaletel “Sebbene alcuni dei programmi Chill più piccoli siano già stati portati avanti in passato in Europa, questa è la prima volta in cui Chill potrà approfondire il percorso con i giovani che parteciperanno ad un programma a lungo termine. Chill supporta giovani provenienti da diversi background attraverso i boardsports, inoltre promuove una cultura di apprendimento e crescita individuale. Burton è orgogliosa di sostenere da lungo tempo l’impegno sociale di Chill”. Chill insegna resilienza, evoluzione e leadership, qualità che vengono sviluppate tramite l’esperienza, allo stesso tempo divertente e impegnativa, di imparare un nuovo sport. Coprendo tutti i costi e stringendo importanti collaborazioni con scuole, servizi sociali, programmi di giustizia minorile, centri giovanili e con i propri partner di sport da tavola, Chill riesce a cambiare più di 3000 vite l’anno.

©RIPRODUZIONE RISERVATA