SUP: come imparare da soli

SUP: come iniziare da soli

Il SUP, o Stand Up Paddle, è uno sport ormai da qualche anno sempre più diffuso sia al mare che sui laghi nonché uno dei preferiti per tenersi in forma. Tavole da SUP a noleggio si trovano praticamente ovunque ci sia uno specchio d’acqua, spesso a prezzi accessibili al punto da tale da indurre a provare a imparare da soli a fare SUP. In effetti, prese alcune precauzioni, provare a fare SUP Cruising, ovvero delle gite in acqua a velocità moderata ammirando il panorama, è abbastanza facile e, se non si corrono inutili rischi, si può tentare e riuscire a imparare ad andare con il SUP in autonomia.

Cos’è il SUP

Il SUP, o Stand Up Paddling è composto da una tavola apparentemente simile a quelle da surf, da una pagaia e, normalmente, da un leash, il cavetto in materiale tipo lattice che mantiene la tavola agganciata al Supper, il praticante del SUP. Normalmente quando si noleggia una tavola da SUP è il noleggiatore che sceglie l’altezza giusta della pagaia e la dimensione della tavola adatta alle capacità. Tuttavia, la pagaia dovrebbe essere alta al punto tale da permettere di impugnare il pomello, o oliva, con il braccio disteso verso l’alto. Anche le dimensioni della tavola dipendono da quelle di chi l’utilizzerà e da come la si intende usare: in generale più una tavola è lunga e larga più sarà stabile sia longitudinalmente che lateralmente mentre dallo spessore dipende la  sua galleggiabilità. Lunghezza, larghezza e spessore determinano il volume della tavola, che è rapportato al peso del Supper e che quindi meglio degli altri parametri può far capire se una certa tavola è adatta a noi oppure no.

> Leggi anche: 9 cose che non sai del SUP

Cosa sapere prima di fare SUP

Scelta la tavola e la pagaia, ci sono alcune cose da sapere prima di fare SUP: uscire a pagaiare in piedi sulla tavola non è difficile, si impara velocemente, ci si diverte in fretta e il massimo che può capitare è di cadere in acqua. Tuttavia può risultare faticoso, quindi le prime volte è bene non allontanarsi troppo dalla costa, è evidentemente necessario saper nuotare e avere buona acquaticità, in condizioni di vento è meglio evitare di uscire in acqua e ragionevolmente bisogna fare i conti con il sole e le eventuali scottature. Detto questo, che sono raccomandazioni di buon senso, si può salire sulla tavola e cominciare da soli ad andare con il SUP.

> Leggi anche: Lo sport dell’estate: il SUP

Come mettersi sulla tavola da SUP

La prima cosa da sapere è come mettersi sulla tavola da SUP: la posizione giusta è nel baricentro della tavola, ovvero con i piedi ai lati della maniglia che serve a trasportarla, larghi più o meno quanto le spalle, quindi in una posizione molto naturale. Per migliorare l’equilibrio è bene tenere la schiena dritta, lo sguardo in avanti e le ginocchia leggermente piegate, pronte a seguire il flusso delle onde.

> Leggi anche: Fit Paddling, il fitness in piscina sulla tavola da SUP

Come impugnare la pagaia e remare per andare avanti, indietro e curvare

La pagaia permette di andare avanti, indietro e curvare, oltre che aiutare a mantenere l’equilibrio. Se si usa la pagaia a sinistra della tavola si impugna l’oliva, o pomello, con la mano destra, con il pollice sotto e le altre dita sopra. Il braccio corrispondente rimane semiflesso mentre quello sinistro, corrispondente al lato della tavola in cui si pagaia, si distende portando la pala verso l’acqua, vicino alla tavola, con il cucchiaio rivolto verso l’acqua. A questo punto il braccio superiore spinge verso l’acqua, quello inferiore si piega leggermente fino a portare il gomito più o meno all’altezza della coscia, nel frattempo si segue il movimento ruotando le spalle e infine si estrae la pala a pelo d’acqua riportandola in avanti o cambiando lato. Più il movimento è fluido e più si mantiene l’equilibrio e il SUP avanza in modo costante e uniforme.

> Leggi anche: le differenze tra nuotare in piscina e al mare

Come avanzare e curvare con il SUP

Sapere come avanzare e curvare è abbastanza intuitivo: pagaiando a sinistra il nose, la punta davanti della tavola da SUP, tenderà ad andare verso destra, e viceversa pagaiando a destra. Per curvare si può pagaiare da dietro in avanti: se si affonda la pala a destra della tavola e la si sposta da dietro in avanti, la tavola girerà verso destra; viceversa a sinistra. Per avanzare basta pagaiare alternativamente a destra e sinistra, possibilmente affondando la pala completamente in acqua. Per frenare si può tentare di spostarsi indietro sulla tavola, verso il tail (la poppa).

> Leggi anche: Kayak da mare: dal trekking al campeggio nautico

Credits photo: CC MaxPixel.net

©RIPRODUZIONE RISERVATA