Svizzera Sassone, romantica, selvaggia e certificata sostenibile

La Svizzera Sassone, a soli 20 km da Dresda, è un’oasi naturalistica romantica e selvaggia, ma soprattutto è la prima regione della Sassonia a ricevere la qualifica di turismo sostenibile TourCert per il suo impegno responsabile a tutela dell'ambiente, della società e dell’economia regionale.

Svizzera Sassone, romantica, selvaggia e certificata sostenibile

La Svizzera Sassone ha iniziato il suo percorso verso la sostenibilità nel 2016 contando sull’attiva cooperazione e l’impegno di molte strutture ricettive e stakeholder presenti sul territorio. L’obiettivo unanime era creare le basi per incentivare lo sviluppo di un turismo responsabile, che non mettesse in alcun modo a rischio il patrimonio naturale, i luoghi e gli equilibri del Parco Nazionale.  In via ufficiale l’attestato di “destinazione di viaggio sostenibile” per la Svizzera Sassone è arrivato con la certificazione TourCert Qualified, rilasciato e conferito dall’ente certificatore TourCert alla regione Svizzera Sassone venerdì 25 giugno 2021.

Pubblicità

La premiazione si è svolta a Schmilka, il pittoresco villaggio nel cuore del parco nazionale della Svizzera Sassone, totalmente ristrutturato e concepito per offrire ai visitatori una vacanza salutare, biologica ed ecosostenibile. Premiato come “Il villaggio più bello della Sassonia” nel 2017, Schmilka offre numerose camere d’albergo e appartamenti vacanze ecologicamente rinnovati con materiali salubri. I ristoranti e le caffetterie servono cucina biologica fresca e regionale. Un must è la birreria Braumanufaktur Schmilka che produce birre artigianali non filtrate e non pastorizzate, con materie prime da agricoltura biologica certificata, mentre presso il panificio sono da provare i prodotti da forno dell’antico mulino.

Svizzera Sassone

Mobilità sostenibile gratuita per i turisti della Svizzera Sassone: il nodo cruciale

Nell’ambito dell’iter di certificazione ha valso molto anche il progetto “mobile guest card”: una carta speciale che consente agli ospiti che pernottano nella regione di utilizzare gratuitamente i mezzi pubblici. Si tratta di un passo decisivo a sostegno di una maggiore sostenibilità nel turismo.
Dopo il successo della Svizzera Sassone, anche altre regioni come i Monti Metalliferi, il Vogtland e Dresden Elbland hanno espresso interesse per la certificazione.

Il Parco Nazionale della Svizzera Sassone nella Germania orientale, a sud-est di Dresda, offre infiniti modi per trascorrere le vostre vacanze. La regione che si estende per 93 km tra Pirna e il confine ceco è uno dei paesaggi più belli d’Europa. Il turismo qui è cominciato già a fine Settecento con gli artisti svizzeri Anton Graff e Adrian Zingg che navigarono l’Elba fino alle rocce di arenaria per ritrarne i paesaggi, e rimasti affascinati dalla loro bellezza diedero a questa terra il nome Svizzera Sassone. Da allora la destinazione fu meta di pittori romantici e culla dell’arrampicata libera in Europa. La tecnica del freeclimbing cominciava a farsi strada nel 1874 quando Otto Ewald Ufer e Hermann Johannes Frick salirono la roccia Mönch nei pressi di Rathen per la prima volta senza aiuti artificiali. Più di 700 vette sono a disposizione per l’arrampicata nel Parco Nazionale della Svizzera Sassone, mentre per coloro che preferiscono stare con i piedi per terra, ci sono 400 km² di sentieri segnalati, ripidi trekking, sentieri e alcune piste ciclabili. Le formazioni rocciose stranamente erose della zona, che risalgono al periodo Cretaceo, sono un’esperienza indimenticabile per i visitatori. Con le sue scogliere di arenaria gessosa, le valli profondamente scolpite, le montagne a tavola e le gole, questo affascinante paesaggio è unico nel suo genere nell’Europa centrale. La flora e la fauna del parco nazionale riflettono la diversità di questo habitat unico. È ancora possibile intravedere specie rare come il gufo reale, la lontra e il ghiro grasso. Felci, licheni e muschi prosperano in questo ecosistema confinato.

Svizzera Sassone

Ci sono molte case vacanza, appartamenti e hotel per vacanze sostenibili nella Svizzera sassone. Oltre al Bio und Nationalpark Refugium Schmilka c’è l’Elbresidenz Bad Schandau, un hotel a 5 stelle nel cuore della Svizzera sassone certificato Green Sign dal 2020. Qui ci si assume una responsabilità attiva nei confronti delle persone e dell’ambiente e non mancano in alcun modo le comodità per l’ospite. L’Hotel e ristorante Brückenschänke a Sebnitz è una piccola casa a conduzione familiare con 14 camere che offre un ampio menu regionale e stagionale. Altri alloggi sostenibili sono la casa vacanze Winterbergblick, la Bio-Pensione Ostrauer Höhe, la Gasthof Hertigswalde e Hofkultur Lohmen.

10 esperienze imperdibili e sostenibili da fare in Svizzera Sassone

1 – Salire sul famoso ponte Bastei e godersi la vista meravigliosa
2 – Conquistare la fortezza di Koenigstein
3- Percorrere almeno un tratto della lunga famosa Via dei Pittori Romantici (Malerweg Route)
4- Fare una passeggiata nel centro storico di Pirna
5- Pernottare nel Bio- & Nationalpark Refugium Schmilka.
6- Rilassarsi con Liquid Sound alle Toskana Therme a Bad Schandau.
7- Pedalare lungo il fiume sulla pista ciclabile dell’Elba.
8- Visitare la città castello di Hohnstein.
9- Fare un giro sulla storica funivia Kirnitzschtalbahn.
10- Fare free climbing sulle montagne di arenaria.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Nessun Tag per questo post