5 splendidi panorami da arrampicata in Italia

Falesia dell’Arapietra in Abruzzo

Scendendo verso il sud della penisola, nell’entroterra abruzzese presso i Prati di Tivo in provincia di Teramo e al centro del Parco Nazionale del Gran Sasso, si trova la Falesia dell’Arapietra. La roccia in questione è calcarea e permette di testare l’arrampicata in placca e la tecnica appoggiata con difficoltà variabile dal 4c al 7c, oltre che di dominare il paesaggio sconfinato sulla piana sottostante.
>Leggi anche: le 10 migliori palestre di roccia indoor d'Italia

Falesia dell’Arapietra in Abruzzo

Scendendo verso il sud della penisola, nell’entroterra abruzzese presso i Prati di Tivo in provincia di Teramo e al centro del Parco Nazionale del Gran Sasso, si trova la Falesia dell’Arapietra. La roccia in questione è calcarea e permette di testare l’arrampicata in placca e la tecnica appoggiata con difficoltà variabile dal 4c al 7c, oltre che di dominare il paesaggio sconfinato sulla piana sottostante.
>Leggi anche: le 10 migliori palestre di roccia indoor d'Italia
Falesia di Sasso Ballaro a Leggiuno
Un’altra falesia del nord Italia, sempre esposta a sud e adatta quindi alla scalata nella stagione invernale, è questa falesia situata nel comune di Leggiuno, a Varese, nei pressi del magnifico Eremo di Santa Caterina del Sasso. Oltre a vivere l’esperienza di una scalata tecnicamente diversificata da tacche, buchi, lame e svasi con difficoltà dal 4a al 7b+, potrete visitare in discesa la splendida architettura del monastero a strapiombo sul Lago Maggiore.
>Leggi anche: arrampicata in falesia: coem e perché iniziare
Falesia di Predore sul Lago d’Iseo
Una zona molto amata dai climber è il Lago d’Iseo, un bacino incuneato tra le province di Bergamo e Brescia e conosciuto per Monte Isola, la più alta isola lacustre d’Europa. Qui, sul versante bergamasco del lago e con esposizione a sud si trova la Falesia di Predore, adatta sia ai principianti che ai più esperti, e in particolare il settore panoramico chiamato Azzurro, che conta una trentina di vie di 25-30 metri dal 5c all’8c.
>Leggi anche: 4 benefici motivi per cominciare ad arrampicare
Belvedere di Fosse in Valle d’Aosta

Per gli amanti dei panorami alpini il Belvedere di Fosse è la scalata perfetta. La falesia si trova in Valsavaranche, sopra Pont in Valle d’Aosta, e permette un’arrampicata di difficoltà dal 4b al 6c+. Lo stile predominante per questa arrampicata è di aderenza, anche se alcuni passaggi richiedono lo stile di scalata tipico della montagna per la presenza di fessure tipiche dei granitoidi.
>Leggi anche: guida al trekking: 12 consigli per cominciare a camminare in montagna
Falesia di Masua a Cagliari

A parte le oltre sessanta vie arrampicabili adatte a tutti i livelli di scalata, lo spettacolo di questa falesia, detta anche Castello dell’Iride, è sicuramente il panorama mozzafiato della marina di Masua. Lo spettacolo è assicurato dopo un’arrampicata che conta muri a tacche e qualche cannetta impegnativa con difficoltà da 5c a 8a e una tecnica prettamente di dita e movimento.

>Leggi anche: yoga e arrampicata, il binomio perfetto: i consigli dell'esperta

Tra i piaceri connessi all’arrampicata ci sono sicuramente i benefici fisici dovuti alla produzione di adrenalina e serotonina, la soddisfazione della scalata con le relative conseguenze sull’umore, ma anche la possibilità di godere di panorami unici e inaccessibili a chi resta ai piedi della falesia.

Di vedute del genere, che superano in bellezza anche i classici e comuni panorami da cartolina, l’Italia è piena, proprio grazie alla sua particolare conformazione geografica che alterna, spesso a breve distanza, montagne o colline a pianure e territori costieri. In particolare, qui ne trovate cinque che vi stimoleranno ad allenarvi e a salire sempre più in alto!

>Leggi anche: arrampicata per principianti: la guida al climbing dalla A alla Z per chi vuole incominciare

©RIPRODUZIONE RISERVATA