Lumos Helmet, il casco da bici con le frecce e gli stop

(Credits: lumoshelmet.co)

Un casco intelligente e sicuro che si illumina al momento della frenata, della svolta e non solo. Stiamo parlando del nuovo Lumos Helmet, pensato specialmente per i ciclisti che si muovono ogni giorno in mezzo al traffico cittadino, con tutti i rischi connessi.

> Leggi anche: Sfera, il nuovo casco Suomy per ciclisti urbani

Come le luci di un’automobile

Lumos Helmet fa parte di un progetto ideato da due studenti di Harvard, Jeff Chen and Ding Eu-wen, che hanno raccolto più di 800mila dollari tramite una campagna su  Kickstarter. Grazie a questi soldi, i giovani hanno fatto il loro esordio sul mercato con un prodotto dedicato alla sicurezza del ciclista. Si tratta di un casco che segue la logica delle illuminazioni classiche delle automobili: ha delle luci bianche davanti e rosse dietro, si illumina quando il ciclista rallenta per via di una frenata ed è dotato di indicatori di direzione. Quelle che comunemente vengono chiamate frecce, funzionano grazie a due piccoli tasti (Right & Left) wireless da posizionare sul manubrio.

> Leggi anche: In bici con la pioggia: 8 consigli per pedalare in sicurezza

Resistente all’acqua

La batteria è ricaricabile con un normale cavo USB e dura circa una settimana. Lumos Helmet è resistente all’acqua e secondo i primi commenti sul web è anche comodo da indossare. Per quanto riguarda l’estetica, il casco ha vinto il premio Beazley’s Designs of the Year (è assegnato ogni anno dal Museo del Design di Londra) nella categoria trasporti.

> Leggi anche: Morpher, il casco pieghevole per la bici

La commercializzazione vera e propria non è ancora cominciata, ma è già possibile effettuare un ordine sul sito di Lumos (il prezzo di base è di 187 euro). Il prodotto funziona in collegamento a un’applicazione per iOS (la versione per Android è ancora in fase di sviluppo), che informa l’utente sullo stato di ricarica del casco.

> Leggi anche: 9 multe impensabili che puoi prendere quando vai in bici in città

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *