Cammini e Percorsi: lo Stato concede gratis immobili da trasformare in strutture turistiche per il turismo lento

Cammini e Percorsi Valore Paese

La data è quella del 24 luglio 2017 quando l’Agenzia del Demanio con MIBACT e MIT pubblica il bando “Valore Paese Cammini e Percorsi” per la concessione gratuita di immobili posizionato lungo i tracciati del turismo lento, cammini storici e dei pellegrinaggi, ciclovie, ferrovie in disuso, da adibire a strutture ricettive, turistiche e per attività culturali e di valorizzazione del patrimonio.

Quanti e quali sono gli edifici che lo Stato concede per Cammini e Percorsi

Da Nord a Sud si tratta di 103 immobili come case cantoniere, vecchie locande, masserie, ostelli abbandonati, piccole stazioni, caselli idraulici, scuole, monasteri, talvolta castelli e comunque edifici di proprietà pubblica, inutilizzati, da ristrutturare o comunque riadattare e rimodernare. 43 sono dello Stato, 50 degli Enti territoriali e 10 di Anas, tutti dislocati lungo itinerari storico-religiosi o cilopedonali (via Appia, Via Francigena, Cammino di Francesco e Cammino di San Benedetto, ciclovie VEnTO, SOLE e Acqua e altri itinerari a livello locale).

> Leggi anche: Le 50 ciclovie per attraversare l’Italia a piedi

Chi può partecipare al bando per Cammini e Percorsi

Al bando possono partecipare imprese, cooperative e associazioni, costituite in prevalenza da soggetti Under 40 (come previsto dal D.L. Art Bonus e Turismo) che intendono ottenere una concessione gratuita fino a 9 anni, rinnovabile per altri 9, per sviluppare progetti di turismo lento. C’è anche un altro tipo di concessione di valorizzazione, di durata fino a 50 anni, destinata esclusivamente ad imprenditori “che possano sviluppare un progetto turistico dall’elevato potenziale per i territori, in una logica di partenariato pubblico-privato”.

> Leggi anche: I cammini italiani

Cosa si può fare con gli edifici concessi gratuitamente da Cammini e Percorsi Valore Paese

Gli edifici devono diventare punti di servizio e assistenza per pellegrini, turisti, camminatori e ciclisti che percorrono questi tracciati, quindi è possibile e necessario ammodernare e ristrutturare le strutture adibendole a piccoli hotel, punti ristoro, centri di assistenza, luoghi per attività ricreative, culturali e di formazione ma anche botteghe artigianali e perfino Spa o presidi medici.

> Leggi anche: 10 trekking da fare almeno una volta nella vita

Come fare la richiesta

La dichiarazione d’interesse era possibile fino al 26 giugno 2017, tramite questionario da compilare online. Dal 24 luglio è pubblicato il bando vero e proprio che sarà replicato anche negli anni 2018 e 2019 prevedendo anche un finanziamento di 3 milioni di euro per il tutoraggio delle startup e il primo accompagnamento. Qui la mappa degli immobili e gli edifici interessati nonché tutte le informazioni sul bando.

> Leggi anche: Guida al trekking: 12 consigli per camminare in montagna

©RIPRODUZIONE RISERVATA

One response to “Cammini e Percorsi: lo Stato concede gratis immobili da trasformare in strutture turistiche per il turismo lento

  1. Per candidarsi per il bando senza limiti di età con uscita dopo l’estate,si èancora in tempo ?
    Grazie per la risposta

Comments are closed.