Salviamo la volpe artica!

borgafjall Volpe Artica

La notizia è che la volpe artica non è – come probabilmente molti di noi hanno sempre pensato – solo un peluche per bambini. Questo batuffolo di pelo bianco e morbido – scientificamente detto Alopex Lagopus – esiste davvero, anche se alle nostre latitudini è davvero poco conosciuto. La sua grandezza si aggira intorno ai 55 cm e ai 4 kg di peso, è carnivoro e si ciba soprattutto di lemming (un piccolo roditore artico), ha orecchie arrotondate ed è ben più piccolo delle altre volpi. Vive in  tane che dove può sopportare temperature anche di ‐40°.

Pubblicità

borgafjall_J7A1337
La volpe artica è discretamente diffusa in Alaska, in Canada, in Russia, nelle Svalbard, in Groenlandia e in genere oltre il limite della vegetazione, ma è virtualmente estinta (ne rimangono solo 300 esemplari) in tutta la penisola scandinava, dove viene attentamente monitorata dall’Università di Stoccolma, finanziata dall’azienda di abbigliamento outdoor Fjällräven (che in svedese significa appunto “volpe artica”).

“Le minacce principali sono l’accessibilità al cibo e il fatto che il suo territorio sia sempre più limitato dall’espansione della volpe rossa”, sostiene Anders Angerbjörn, zoologo e membro di ‘Save the Arctic Fox’. Come si salva la volpe artica? “È necessario provvedere al suo sostentamento e tenere a bada la volpe rossa attraverso la caccia selettiva. Oltre a ciò, è anche necessario spostare i cuccioli da un branco all’altro durante le annate buone per prevenire l’endogamia”.

borgafjall_H8B9199

Credit: Fjallraven

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità