5 regole per il primo viaggio in camper

5-regole-per-il-primo-viaggio-in-camper

Le vacanze dell’estate 2020 vedono molti italiani scegliere il camper e se stai per partire per il tuo primo viaggio in camper ci sono 5 regole da conoscere per goderti una vacanza sulla casa con le ruote. Dato che circa il 70% è un camperista alla prima esperienza, è bene sapere che la preparazione è tutto, dallo studio del camper alla pianificazione del percorso, per una vacanza del genere nulla si deve lasciare al caso. Per potersela godere davvero.

5 regole per il primo viaggio in camper

Nella vacanza post-covid ci si muoverà per distanze e periodi più brevi, ma come? In camper, scegliendo tra un’offerta sempre più ampia, fatta di modelli e servizi extra per tutte le esigenze. La popolarità in aumento di questa formula, in particolare nel mercato domestico, è stata ampiamente documentata nelle ultime settimane: oltre al senso di libertà, le ragioni che oggi portano a scegliere un camper sono legate a sicurezza, elevati standard di igiene e possibilità di distanziamento sociale.

E così il camper diventa una piacevole alternativa alla vacanza tradizionale, un modo unico di passare il tempo libero in compagnia di famiglia o amici. Per pianificare al meglio la prima avventura su strada, Indie Campers, tra le principali piattaforme di noleggio di camper in Italia e in Europa, ha messo a punto 5 regole d’oro per la prima volta sul camper.
>> LEGGI ANCHE: Estate 2020: vacanze in camper per viaggi più sicuri?

1. Studiare il camper che hai in mano

Prima di mettersi in viaggio, è fondamentale chiarire eventuali dubbi sul funzionamento del camper. Fare tutte le domande del caso al ritiro del veicolo e usufruire di un servizio di assistenza stradale sarà di aiuto per viaggiare tranquilli.

2. Pianificare il viaggio

Partire senza una meta precisa è il bello di viaggiare in camper. Se invece avete già stabilito una serie di tappe più o meno definite e un budget da rispettare, fare affidamento a siti che offrono informazioni su strade, costi, chilometri sarà una buona soluzione per calcolare in anticipo i chilometri da percorrere e costi legati a pedaggi e carburante.

3. Sapere dove soggiornare

La flessibilità è sicuramente uno dei maggiori vantaggi della vacanza en plein air, tuttavia, avere un’idea chiara delle possibili aree di sosta e campeggi non guasta. Usare app dedicate, come Park4Night o Campercontact aiuterà a partire senza pensieri. Il bello sarà poter modificare e personalizzare l’itinerario durante il viaggio!

4. Organizzarsi

Viaggiare in camper aiuta ad essere essenziali e partire leggeri. Fate una lista di ciò che dovrete portare e non dimenticate snack, acqua, torcia, repellente per insetti e altri oggetti necessari per un soggiorno in mezzo alla natura.
In questo articolo spieghiamo bene cosa serve e cosa no per una vacanza in camper.

5. Informarsi sulle regole dei paesi

C’è stato un chiaro aumento nella domanda di viaggi domestici. Ciò non toglie che, progressivamente, si riprenderà a viaggiare in paesi limitrofi. È importante sapere che ogni paese ha regole specifiche per quanto riguarda il turismo itinerante: informarsi in merito ad eventuali restrizioni importanti sul viaggio in camper sarà utile per evitare spiacevoli imprevisti.

 

LEGGI ANCHE

©RIPRODUZIONE RISERVATA