Nuova Lada Niva: torna il 4×4 compatto, economico e indistruttibile

Nuova Lada Niva Travel

Si chiama Travel, ed è la nuova Lada Niva, il 4×4 compatto ed economico e, se parliamo del modello storico prodotto dal 1977 a oggi, anche indistruttibile. Il nome Lada Niva suona ormai famigliare a chi è almeno negli “anta” e ricorda l’epoca in cui i 4×4 non erano altro che auto a 4 ruote motrici, essenziali se non spartane, che si vedevano soprattutto sugli sterrati di montagna e campagna, non certo davanti a ristoranti e locali alla moda. Poi vennero i SUV e la mutazione genetica dei 4×4, permamenti o meno, ma la Lada Niva è rimasta fedele a se stessa, con i suoi pregi (in primis la robustezza, visto che ne circolano ancora oltre 650mila) e i suoi difetti (nessuna concessione all’estetica e al comfort e meccanica brutalmente sovietica).
Ora arriva questa Niva Travel, che tecnicamente non sostituisce la Lada Niva 4×4 ma la semplice Lada Niva, quella derivata dalla Chevrolet Niva negli anni Novanta, quando GM e Avtovaz avevano una joint venture. Ora Avtovaz è parte del gruppo Renault ma questa nuova Lada Niva Travel nasce comunque da un pianale Chevrolet. Con però una forte concessione al design dei moderni SUV di gamma media: 5 porte anziché le contorsionistiche 3 del vecchio modello, fari LED, griglia anteriore generosa e parafanghi sagomati. Di certo è che ci sarà un allestimento più urban e uno più off-road, con tanto di snorkel, e che la trazione è 4×4 permanente con la possibilità di bloccare il differenziale centrale.
Ciò che invece non è chiaro sono le motorizzazioni, e qui sorgono i dubbi circa la possibilità di vederla anche da questa parte degli Urali (anche, si dice, per non pestare i piedi al mercato della Dacia Duster): per essere omologata per il mercato europeo dovrebbe infatti soddisfare gli standard UE dell’Euro 6.

Pubblicità

Ma comunque che sia il primo esemplare della nuova Lada Niva Travel è già uscito dallo stabilimento di Togliatti e per i fedelissimi della Fabbrica Automobilistica del Volga è già una notizia.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità