La ebike dei Carabinieri: per le strade con una bici elettrica italiana

la-ebike-dei-carabinieri

I Carabinieri in ebike, anzi in e-mtb: le forze dell’ordine gireranno per le strade con una bici elettrica delle italiana Five. L’azienda italiana Five (Fabbrica Italiana Veicoli Elettrici) ha svelato le foto della mountain bike a pedalata assistita, che andrà ad arricchire il parco mezzi a disposizione della Benemerita.
Prodotta con il marchio Italwin nello stabilimento di Bologna del gruppo, un moderno complesso completamente autonomo dal punto di vista energetico grazie all’impiego di un doppio impianto fotovoltaico, la nuova e-bike dell’Arma nasce sulla base del top della gamma trekking Italwin, la Train Ultra. Sarà impiegata nelle operazioni del Comando Carabinieri per la Tutela Forestale.
>> LEGGI ANCHE: Gli 8 tipi di bici elettrica da conoscere

Pubblicità

La ebike dei Carabinieri: caratteristiche

Tra le caratteristiche principali della bici elettrica Five dei Carabinieri un cuore agli ioni di litio da 630 Wh, telaio in alluminio, forcella anteriore ammortizzata da 75 millimetri, pneumatici a impronta larga, freni a disco idraulici, cambio a 10 rapporti e un motore centrale di seconda generazione FIVE F90, che interagisce con un display LCD multifunzione retroilluminato da 3,5 pollici istallato sul manubrio.
Una bicicletta adatta a tutti i terreni, con cinque livelli di assistenza alla pedalata e una batteria in grado di assicurare lunghe distanze.

“È per noi un motivo di grande orgoglio – ha dichiarato Fabio Giatti, Amministratore delegato del gruppo FIVE – aver realizzato questo prodotto in collaborazione con l’Arma dei Carabinieri, che sceglie di puntare sulla mobilità elettrica attraverso la dotazione di un’e-bike interamente prodotta in Italia”. E proprio il saper fare italiano è uno degli asset più importanti della realtà aziendale associata a Confindustria ANCMA, che nel 2013 ha intrapreso un percorso di delocalizzazione al contrario, spostando la produzione di e-bike dalla Cina all’Italia, culminato con la realizzazione di una fabbrica sul modello ZEB (Zero Energy Building), in grado di coniugare efficienza energetica, produzione industriale e sostenibilità ambientale.
“Dopo una lunga e consolidata esperienza nel settore, questo approccio al fare impresa – ha aggiunto Giatti – ci permette oggi di valorizzare il collegamento con la preziosa presenza sul territorio dei Carabinieri: siamo infatti certi che la loro capillarità e la particolare applicazione nelle attività di tutela forestale di questi mezzi green potranno contribuire anche a diffondere la cultura dell’utilizzo della bici e della sostenibilità”.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità