Le Mascherine FFP2 si possono lavare e riutilizzare

mascherine ffp2

Le mascherine FFP2 si possono lavare e riutilizzare? Sì, almeno secondo le nuove linee guida della UFC-Que Choisir, l’equivalente francese di Altroconsumo.
Nonostante siano passati più di 14 mesi dall’inizio della pandemia da Coronavirus, ancora ci sono poche certezze sulla riutilizzabilità delle mascherine FFP2, in grado di proteggere non solo gli altri ma anche noi stessi (per questo, al chiuso, sono più indicate). Alcuni esperti sostengono che siano monouso e che dopo 10 ore di utilizzo vadano buttate; altri consigliano di riutilizzarle dopo averle disinfettate con una soluzione idroalcolica spray al 70%; altri ancora sono convinti che il lavaggio in lavatrice non riduca la traspirazione e il filtraggio di questi dispositivi di protezione individuale.
Quella della UFC-Que Choisir è una voce autorevole e che potrebbe definitivamente aver risolto il dubbio.
>>LEGGI ANCHE: Mascherina per lo sport anti-Covid testata dalla Reyer Venezia nel basket

Pubblicità

Le mascherine FFP2 si possono lavare in lavatrice e riutilizzare

Oltre ad essere tra le più efficaci in commercio, le mascherine FFP2 sono tra le più costose. Usarne una al giorno, per molti consumatori, è una spesa insostenibile nel lungo periodo. L’Altroconsumo francese ha testato l’efficacia di tre mascherine FFP2 (marcatura NF EN149) e di una mascherina KN95 (l’equivalente cinese con marcatura GB2626).
La capacità filtrante delle mascherine è stata esaminata due volte, separatamente: subito dopo aver estratto i dispositivi dalla loro confezione e dopo 10 lavaggi a 60 gradi di temperatura. I test post-lavaggio sono stati effettuati dopo che le mascherine sono state messe in asciugatrice. Ricordiamo che 60 gradi è la temperatura minima indicata per annientare il virus.

Come lavare e asciugare le mascherine FFP2

Sia da nuove sia post-lavaggio, le mascherine FFP2 hanno superato i test della traspirazione e della capacità filtrante. Il test della traspirazione serviva per capire se le mascherine fossero ancora in grado di proteggere non solo dai droplet di grosse dimensioni, ma anche dalle minuscole particelle infette sospese nell’aria. Il test della capacità filtrante ha invece dimostrato che, sia da nuove sia dopo 10 lavaggi in lavatrice (e 10 “asciugate”), le mascherine FFP2 sono state in grado di filtrare le particelle infette di 3 micrometri.
UFC-Que Choisir ha specificato che il lavaggio in lavatrice tende a deteriorare le mascherine: quando il ferretto per il naso inizia ad arrugginirsi o gli elastici a sfilacciarsi, è ora di cambiare mascherina (anche se l’abbiamo lavata meno di 10 volte).
[Photo by: NightRainer / Pixabay]

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità