RedBull400, la gara più dura del mondo è lunga solo 400 metri

RedBull400-foto Federico Modica RedBull

RedBull si distingue sempre per la capacità di inventare e organizzare eventi eccitanti e folli. Dop le gare degli aerei in città e dei tuffi da trampolini impossibili, ecco RedBull400, la corsa (forse) più dura del mondo, in 14 tappe che si concluderanno il 28 ottobre 2017.

Pubblicità

Che cos’è la RedBull400

L’idea è semplice: facciamo correre le persone lungo i trampolini del salto con gli sci, percorrendoli al contrario. Il principio del RedBull400 prevede che i partecipanti partano dal fondo della pista dove di solito i matti del salto atterrano, e si arrampichino più velocemente che possono fino alla partenza. Sono 400 metri quasi in verticale, in cui si sale di 200 metri con pendenza di 38° (ovvero il 75%). Cosce e polpacci sono sottoposti a uno sforzo disumano: per resistere ci si aggrappa mani e piedi all’erba, alle corde o ai blocchetti di materiale sintetico che ricoprono le piste di mezzo mondo.

> Leggi anche: Come (e quanto) correre per dimagrire

Il circuito

Per la prima volta la RedBull 400 ha toccato l’Italia (il 1 luglio a Predazzo, in Trentino), dove i nostri connazionali si sono distinti vincendo le tre medaglie della staffetta, l’argento e il bronzo nel femminile e il bronzo nel maschile (qui sotto il video della gara). Ma siamo ormai alla settima edizione, il che ne fa un appuntamento ormai consolidato nel panorama delle competizioni estreme e divertenti. Si gareggia su piste di Europa, Asia e America, con partecipanti provenienti da tutti i paesi, anche i più impensabili come Botswana, Djibouti, Algeria, Iraq, Repubblica Dominicana. L’evento prevede 4 categorie di partecipanti:
Full distance Men (Gara individuale uomini)
Full distance Women (Gara individuale donne)
Mixed relays (4×100) (Staffetta mista)
Men relays (4×100) (Staffetta uomini)

> Leggi anche: La mia prima Spartan Race

Lo sforzo fisico

In generale si tratta di 6-800 passi, che il più veloce ha fatto in 3’17” (il più lento in 5’02”) con battiti cardiaci che arrivano a 220 al minuto (una persona a riposo sta fra i 50 e i 100 bpm) e acido lattico a 26mmol/l (a riposo sta su valori di 1-2 mmol/l). per no parlare dello stress a cui sono sottoposti i muscoli delle cosce.

Ecco, esaminate bene cosa significhi tutto questo, poi se volete potete iscrivervi alla RedBull400.

> Leggi anche: Le Mud Run e Obstacles Run del 2017

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità