Passeggiate in Tirolo in estate fra le malghe: la valle dello Stubai e St. Anton am Arlberg

Tirolo in estate

 

Andare a fare passeggiate in Tirolo in estate fra le malghe è definitivamente una buona idea: noi ci siamo stati e qui ti spieghiamo perchè la valle dello Stubai e St. Anton am Arlberg sono due mete da non perdere. Se stai cercando una vacanza attiva e rilassante nella natura, andare a camminare in montagna in Tirolo, in Austria, la prossima estate 2019 è un‘idea vincente per diversi motivi. Una terra facile da raggiungere dall‘Italia, ricca di strutture di qualità e dalla grande ospitalità, valli aperte con vista grandangolare sulle Alpi, poca folla, camminate comode da fare anche con i bambini. E la possibilità, insieme al trekking, di vivere una giornata da veri tirolesi, fermandosi nelle malghe per un pranzo o una merenda gourmet, mangiando piatti dai sapori di una volta a chilometri zero. Qui ti segnaliamo due passeggiate fondamentali per capire di cosa stiamo parlando, entrambe semplici da fare in massimo mezza giornata.

 

 

Passeggiate alle malghe in Tirolo in estate

Hai mai sperimentato quella piacevole esperienza di accorgersi che un versante della montagna può essere molto diverso dall’altro? Una cosa del genere si può provare solo in Tirolo, in Austria, come abbiamo fatto noi: basta scendere pochi chilometri dal confine del Brennero per sentirsi in vacanza in un “altro mondo”, ben differente dalle montagne italiane appena lasciate. Diverso il profilo delle montagne, diversi i colori, diversa l’architettura dei villaggi; sono anche diversi i profumi che escono dalle cucine di ristoranti e rifugi.

 

 

 

Attenzione: nell‘area del Titolo, ad aprile, nei comprensori può esserci anche un metro e mezzo di neve, ma a valle il clima è già perfettamente primaverile e molte malghe sono già perfettamente raggiungibili.

Così qui uscire per un’escursione in montagna dalla primavera all‘autunno diventa un‘esperienza unica, e la stagione perfetta è l’estate. Ecco, sicuramente non c’è che l’imbarazzo della scelta: il Tirolo va dal confine con l’Italia a sud a quello con la Germania a nord (un’ottantina di km) ma è largo oltre 200 dagli estremi di St.Anton a ovest e Lienz ad est e conta decine di valli e oltre 24.000 km di sentieri escursionistici.

 

Che passeggiate fare in Tirolo in estate

E allora si può scegliere di fare un percorso lungo tre giorni e uno lungo tre ore, uno in alta quota sopra i 3000 metri e uno in fondovalle, uno panoramico e uno nei boschi, uno su uno stradone sterrato e uno alpinistico dove si deve arrampicare in parete.

La scelta migliore per una mezza giornata di trekking leggero con soste gourmet? Una delle tante escursioni nelle malghe.

Escursioni nella valle dello Stubai, con merenda tradizionale in malga

La Valle dello Stubai, ben nota agli sciatori anche per la presenza di un ghiacciaio dove si scia fino al mese di giugno, è a pochissimi chilometri dal confine. Basta scendere verso Innsbruck e svoltare subito a sinistra: quasi in fondo alla valle, all’altezza del villaggio di Falbeson, parte un sentiero tranquillo che sale fino in cima al Rifugio Neue Regensburger Hütte.

 

 

A metà strada, appena fuori dal bosco, però si trova la Ochsenalm – la “malga dei buoi” – a quota 1.830: è una piccola vecchia baita tutta di legno con finestre piccole e un sacco di fiori attorno e che ogni inverno resiste miracolosamente alle tonnellate di neve che la ricoprono.

È una passeggiata che richiede meno di quattro ore tra andata e ritorno in paese. Quando entrate, chiedete di Maridl che la gestisce: se vi fermate a pranzo vi consigliamo di ordinare il semplice “patate, uova e speck”, dove le uova sono appena state raccolte dal pollaio dietro casa e lo speck è artigianale (e anche questa è una bella differenza). Provate anche il graukäse, il formaggio grigio: è il formaggio più magro che esista (e non è una battuta).

Se vi fermate per la merenda, la scelta non può che cadere sul Kaiserschmarren, quel frittatone dolce coperto di zucchero a velo e marmellata di frutti di bosco. Vi si stamperà nella memoria come uno dei ricordi più piacevoli dell’estate.

 

Il sentiero della PutzenAlpe da St.Anton e il formaggio di malga

A St.Anton, non lontano dal confine con la Svizzera, si stupiscono ogni anno del fatto che ci siano più turisti italiani d’estate che d’inverno, nonostante il paese sia conosciutissimo in tutto il mondo per le sue piste. Forse la ragione sta nel fatto che, con la bella stagione, questo angolo di Tirolo si trasforma da meta del jet set internazionale al posto più tranquillo del mondo dove si respira la montagna.

Il termine “immerso nella natura” rende decisamente l’idea quando da St.Jakob, la frazione all’inizio del paese, si prende il sentiero che arriva alla PutzenAlpe, a oltre 1700 metri sopra l’abitato di Pettneu: si sale di circa 450 metri di dislivello nell’arco di un paio d’ore su una facile strada forestale che entra ed esce dal bosco. In cima, insieme al panorama sulle vette dall’altra parte della valle verso Ischgl e Soelden.

Il bello della Malga PutzenAlpe è il menu dove ci sono solo piatti realizzati con ingredienti naturali: qui i km 0 diventano “metri 0” perchè il formaggio viene prodotto direttamente nel caseificio collegato con la stalla.

 

 

E dopo pranzo, chi preferisce muoversi arriva fino alla malga successiva – la NesslerAlpe – e chi preferisce oziare finisce per mettersi su una sdraio al sole sotto l’ombrellone o, ancora meglio, direttamente sull’erba.

 

 

>> Più informazioni sulle escursioni alle malghe in Tirolo, in Austria, sul sito del Tirolo  

 

Se stai pensando a una vacanza in Tirolo, puoi leggere anche questi articoli:

I percorsi più belli da fare in Tirolo in mountain bike

8 cose da fare in inverno in Tirolo

Sciare in Austria: le migliori località alpine vicine all’Italia

 

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA