Quando il ritorno di tifosi e pubblico allo stadio? L’Udinese prova un sistema di sicurezza anti-Covid

Il sogno di ogni tifoso ai tempi del Covid? Tornare finalmente allo stadio o al palazzetto per vedere dal vivo la propria squadra del cuore. E mentre le Regioni italiane continuano a giocarsi una posizione in classifica tra zona gialla, arancione e rossa, l’Udinese Calcio sperimenta domenica 28 febbraio uno speciale sistema che potrebbe aiutare il graduale del pubblico sugli spalti.

LEGGI ANCHE > Ideato in Italia un apparecchio per sanificare i palloni

Un badge per la sicurezza

La prima prova avrà luogo alla Dacia Arena di Udine (nella foto) in occasione della partita di Campionato della squadra di casa contro la Fiorentina. Per l’occasione, i 350 addetti all’impianto, i giornalisti, gli operatori dei media, le delegazioni delle squadre e gli altri ospiti indosseranno uno speciale badge che vibrerà e lampeggerà nel caso non vengano rispettate le distanze di sicurezza contro il contagio da Coronavirus, consentendo anche il tracciamento di tutte le persone presenti.

LEGGI ANCHE > La mascherina anti-Covid per lo sport di squadra

L’esperimento è stata accolto con favore tanto da Figc e Legacalcio quanto dall’Uefa e, se si rivelasse efficiente, potrebbe contribuire in modo sostanziale al ritorno del pubblico in stadi e palazzetti in un prossimo futuro. Il dispositivo è stato ideato dal Gruppo Be Shaping The Future: «Siamo reduci dal successo dei Mondiali di sci di Cortina, dove la nostra soluzione ha garantito la sicurezza degli operatori, degli atleti e degli ospiti ammessi», spiega l’amministratore delegato Stefano Achermann. «La nostra esperienza è a disposizione dell’intera industria dello sport e dell’entertainment per supportare la ripresa controllata delle attività».

Credits foto: udinese.it.

©RIPRODUZIONE RISERVATA