Come scegliere il reggiseno per fare sport

Fascia, coppe, ferretti, spalline e cuciture: tutto quello che c'è da controllare per scegliere il reggiseno per fare sport perfetto per sé

BRA_victoria_secret

L’importanza di un reggiseno per fare sport un uomo non arriverà mai a capirlo, ma il seno può essere un impedimento a fare sport. Una donna su cinque non corre, non va in palestra, non pratica sport a causa del proprio seno. E i maschi non devono cominciare a sorridere: la stessa ricerca dimostra come tra una prima scarsa e una quarta abbondante non c’è differenza.
Colpa degli sguardi degli altri (e delle altre) o colpa della sensazione di poco comfort? Di fatto è che dopo la mancanza di energia, quella di tempo e qualche problema di salute, il seno è il quarto motivo per cui una donna non fa sport. Motivo considerato più grave di altri come il costo, la distanza o la mancanza di compagnia.

Pubblicità

Anzi, la causa prima che tiene lontana una donna su cinque dallo sport è proprio la difficoltà di trovare un reggiseno adatto a fare sport. Un reggiseno che non dia fastidio e che permetta di allenarsi in santa pace, sguardi maliziosi o meno.

Come scegliere il reggiseno per fare sport

E in effetti è così: trovare un reggiseno per fare sport non è così semplice. Intanto deve vestire perfettamente, e perfettamente significa di coppa, di spalline e di fascia al torace, soprattutto quando cominciamo a parlare di misure generose. Poi deve sostenere senza comprimere, e questo forse è l’aspetto più delicato. E poi deve essere del materiale giusto, anallergico, che non trattiene il sudore, non provoca irritazione, non sfrega e – insomma – non dà fastidio. Per pizzi, trasparenze e seduzioni ci sono altri momenti.

>>Leggi anche: Reggiseno e sport: come evitare le irritazioni
BRA_victoria_secret_2
Come fare allora a scegliere il reggiseno giusto per sé e per lo sport che si vuole praticare? Considerando questi 5 fattori

La fascia toracica

Deve essere aderente e ben tesa, ma permettere anche di fare un respiro profondo senza muoversi: una fascia che si sposta verso l’alto finirà per sfregare provocando arrossamenti e abrasioni.

Le coppe

Deve starci tutto, e deve starci ben centrato (altrimenti è troppo piccola) e deve starci senza che il tessuto della coppa del reggiseno si arricci (altrimenti è una coppa abbondante). Il tessuto inoltre deve essere morbido e delicato al contatto con la pelle.

Ferretti

Se ci sono (ma non è detto che debbano esserci) devono essere nella striscia di tessuto sotto la coppa.

Spalline

Non devono scivolare dalle spalle, ovviamente, ma non devono nemmeno essere l’unico elemento di supporto, altrimenti significa che il reggiseno è troppo largo.

Cuciture

Se non ci sono, è anche meglio, perché così si evitano sfregamenti e arrossamenti. Altrimenti conviene controllare che siano il meno a rilievo possibile, o magari coperte da termosaldature del tessuto tecnico.

[Photo credits: Victoria’s Secret]

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità