Il decalogo delle valanghe: cosa fare se vieni travolto?

Come ci si può salvare dalle valanghe?
Bisogna fare prevenzione: guardare le previsioni meteo, studiare il bollettino delle valanghe, studiare la cartina altimetrica del posto che si è scelto, per evitare le zone con maggiore pendenza. Poi è ovvio che se batti tutti i giorni discese sui 40 gradi, con nutriti gruppi di persone, in condizioni di stanchezza fisica con la temperatura estremamente instabile, le possibilità di rimanere vittima di una valanga salgono di molto. Nel caso in cui si vada oltre lo standard e incontro al rischio, è fondamentale che tutti portino con sé artva, sonda e pala per eventualmente scavare nella coltre e salvare un malcapitato. L’artva, legato al corpo sotto gli indumenti, è quell’apparecchio che emette un segnale in trasmissione attraverso il quale i compagni ti possono ritrovare anche sotto metri di neve. È obbligatorio in fuoripista.
Pericolo Valanghe

Alte temperature, pioggia, gelate notturna e qualche irregolare nevicata: neanche il tempo di inaugurare la stagione invernale che il periodo delle valanghe è già cominciato con le prime vittime.

Pubblicità

Come si formano le valanghe? Quali i pericoli reali e quali i rischi che si corrono? Quali condizioni determinano un maggior pericolo di valanghe? Ecco tutto quello che c’è da sapere e come comportarsi in caso di incidente.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità