Stanley One-Handed Vacuum Mug: tiene davvero il caffè al caldo?

Ci portiamo anche il thermos! Non c’è scarpinata in montagna, pic-nic, zingarata notturna o semplicemente bivacco a rimirar le stelle che non preveda la presenza di un thermos con del caffè o del tè caldo. E ovviamente non c’è niente di più frustrante e fastidioso che arrivare al momento fatidico e rendersi conto che la bevanda è invece irrimediabilmente fredda, che si è rovesciata nello zaino e che, insomma, addio piacere di sorseggiare qualcosa di caldo e rinvigorente.

STANLEYClassic_One_Hand_Vacuum_Mug_12oz_354mL_Hammertone_Green_HeroQuando abbiamo avuto tra le mani questo thermos One-Handed Vacuum Mug di Stanley siamo partiti così, un po’ scettici come al solito, anche perché parliamo di un oggetto del costo di 30 dollari (prezzo ufficiale online di Stanley), un prezzo tutto sommato accessibile e certo non da equipaggiamento per andare sul K2. E alla fine, tè o caffè che fosse, ci siamo dovuti ampiamente ricredere.

Intanto: qui non ci sono tazze da svitare, tappi da togliere, liquidi da versare. La Stanley One-Handed Vacuum Mug la riempi di quello che preferisci e poi sorseggi direttamente dal beccuccio sul tappo. Tipo le tazze di Starbucks, per capirci. Solo che per bere devi premere il pulsante sull’esterno del tappo, il che permette di mantenere anche ermeticamente chiuso il beccuccio. Il pulsante in effetti è duretto, ma almeno evita l’effetto botta secca, e il liquido esce in modo graduale, senza quel riflusso per cui ti ritrovi in bocca una bomba di tè bollente e ti scotti pure la lingua.

Le dimensioni sono tutto sommato contenute (20 cm di altezza per 7 di diametro) e anche la capienza non è certo maxi (473 ml, meno di mezzo litro). Il vantaggio, non banale, è che il rivestimento è totalmente isolante: quindi dentro rimane caldo, ma fuori è sempre maneggevole, senza rischio di scottarsi le mani (oppure senza il vantaggio di riscaldarsi le mani quando la temperatura è veramente fredda. Fate voi)

Quanto a lungo rimane davvero caldo il liquido all’interno? Le istruzioni dicono 6 ore, ma francamente, con un caffè bollente versato direttamente dalla moka, dopo 4 ore era poco più che tiepido. Non freddo, ma nemmeno bollente.

Da comprare? Tutto sommato, fatto il rapporto fra costo, robustezza dei materiali e versatilità d’uso (perché no in ufficio? Oppure in auto, ha il diametro perfetto per alloggiarsi nel portaoggetti), sì, può essere un buon investimento. In fondo parliamo di Stanley, gente che produce thermos e borracce da più di 100 anni.

©RIPRODUZIONE RISERVATA