Tenerife in bici, i percorsi più belli su strada e per mountain bike

Tenerife mountain bike - foto Ciaocanarie/TYoutube

Le Canarie sono una sorta di riserva degli sport outdoor. Trekking, bici da corsa, mountain bike, surf, golf, climbing, tutte attività che si possono fare tutto l’anno grazie al clima mite che caratterizza l’arcipelago spagnolo al largo del Marocco. Bene o male si possono praticare questi sport un po’ dappertutto, come ad esempio Lanzarote, con i suoi percorsi di trekking, o Tenerife, che ospita 8 campi da golf ed è forse il posto migliore per osservare le balene, ma che è anche l’isola della bici.

> Leggi anche: Dimagrire pedalando: come perdere peso andando in bicicletta

Strade per tutti

A Tenerife si allenano in inverno le squadre ciclistiche professioniste per preparare le grandi corse della stagione. Questo per la presenza del Teide, la montagna più alta di tutta la Spagna, e di altre vette di media altezza da raggiungere tramite strade ricce di saliscendi e tornanti. Ma Tenerife è anche un’isola dove le famiglie con bambini possono esplorare spiagge, boschi e valli muovendosi su due ruote, in percorsi adatti a tutti. Sia per gli amanti della bici da corsa che della mountain bike (e sei indeciso leggi qui)

> Leggi anche: 5 cose da controllare prima di uscire con la mountain bike

I consigli

Sull’isola si possono fare giri brevi o più lunghi, fermandosi nei paesini dell’interno per rifocillarsi, o lungo la costa per un tuffo. È anche l’occasione per conoscere la cultura canaria, entrare in contatto con una popolazione gentile e genuina assaggiare l’enogastronomia locale (i vini nella zona di La Matanza e La Victoria, ad esempio). Non serve portarsi la bici da casa, i noleggi non mancano. Piuttosto, per alcuni percorsi di mtb, potrebbe essere utile spostarsi in auto caricando la bici sul tetto. Molti negozi offrono anche corsi pratici di mountain bike sulle tecniche di equilibrio, discesa, impennate e bunny hop. E si organizzano tour per famiglie in modo da evitare sorprese come salite impreviste che metterebbero a dura prova bambini e genitori. Il sito ufficiale delle Isole Canarie è molto utile.

> Leggi anche: Cosa fare prima di comprare una bicicletta usata

Come sfruttare il clima

Ale Canarie si sta bene tutto l’anno, ma naturalmente in estate il caldo può essere torrido e 100 km in bicicletta possono diventare faticosi. La cosa migliore è faticare sulle salite soprattutto nel nord dell’isola, dove il clima è più fresco e asciutto, per poi rinfrescarsi nei boschi di Esperanza e rilassarsi in discesa sul versante sud, puntando alle spiagge della costa.

> Leggi anche: 4 cose da fare sempre dopo aver usato la bici 

Cosa portare con sé

Al di là delle borracce e dell’attrezzatura per la bici, è utile avere con sé uno zaino con giacca impermeabile (soprattutto in primavera e autunno) e qualche snack per combattere eventuali attacchi di fame. Cappellino e crema solare non possono mancare.Su strada o mountain bike, ecco i migliori percorsi da fare in bici a Tenerife.

> Leggi anche: Il kit di sopravvivenza per la bici: lo zaino

Bici da strada: attorno al massiccio di Teno

Se sei in forma puoi tentare l’ascesa del massiccio di Teno, nella parte occidentale dell’isola. È un panorama spettacolare fatto di valli e scogliere, e una strada asfaltata e ben segnalata che prevede circa a 1100 metri di dislivello.

Non si tratta di un percorso a ben preciso, ma di un itinerario con diverse opzioni da fare finché ce n’è, che può andare dai 30 ai 50 km circa per la fase di andata. Si parte dal porto sportivo di Los Gigantes, per raggiungere il villaggio di Santiago del Teide e poi salire lungo il ‘muro’ che porta al paese di Masca: qui ti troverai nel mezzo degli ambienti tipici delle Canarie,

Poi si discende dalla valle di El Palmar fino a Buenavista, con un belvedere che ti catapulta sulla Luna e 10 chilometri tra le piantagioni di banane. Chi ha gambe può continuare verso il campo da golf di Buenavista o ancora fino al Parco del Drago. In ogni caso c’è da fare la salita a Garachico, caratteristico villaggio della costa a Icod de Los Vinos e a Erjos, a 1.100 metri di altitudine.

> Leggi anche: Che cos’è una bici gravel

Bici da strada: il Teide

Un altro percorso, più duro, è quello che prevede le salite impegnative del monte Teide e l’attraversamento dell’isola lungo l’asse nordest-sudovest. Si parte da Puerto de la Cruz, lungo la costa nordoccidentale, e ci si dirige nell’entroterra nei boschi e nella Valle de La Orotava, dentro il Parque Nacional del Teide. Così facendo si giunge ai 2.000 metri di altezza, per poi toccare Las Cañadas (2.360 metri) che ti porta ai piedi del Teide, la cima più alta di Spagna. È una salita di 42 chilometri che poi si trasforma in discesa attraversando la valle di Ucanca.

I 60 km della prima parte ti portano a scendere verso Chío, ricongiungendosi al percorso del Teno, in una tappa complessiva piuttosto dura che spesso viene affrontata dalle squadre professionistiche durante il training per le grandi corse. Nelle belle giornate si vedono altre isole dell’arcipelago, come La Gomera e La Palma. Una variante consiste, una volta a Chio, nel deviare dalla strada principale e passare per piccoli paesi in pietra, per scendere poi fino alla spiaggia di Las Vistas. Per un totale di circa 88 km indimenticabili.

> Leggi anche: Lanzarote Wine Run, corsa e trekking fra vulcani e vino

Tenerife mountain bike - foto Ciaocanarie/TYoutube

Mountain bike: i percorsi del nord

Sono tantissimi i percorsi adatti alla mountain bike a Tenerife. Tutto il versante nord è una zona ideale per pedalare al fresco, tenendo come base ad esempio La Esperanza, nei pressi di Santiago del Teide e come punto di arrivo e rinfresco la valle di Orotava, per un totale di circa 45 km. Le piste, che sono ben battute e segnalate, attraversano boschi di pino canario del Parque del Teide, in una salita lungo la dorsale dell’isola che porta fino ai 1.728 metri di altezza. Poi si può scendere verso la La Orotava, dove ci sono aree per rifornirsi: a La Caldera c’è una trattoria piuttosto rinomata fra i rider, dove assaggiare la cucina regionale.

Tornando, si può deviare per il vulcano Chinyero, sempre dentro il parco del Teide, in un ambiente marziano fatto di colate laviche impressionanti. Chi si sente le gambe invece può proseguire oltre La Caldera e scendere fino a Puerto de la Cruz, allungando il percorso di altri 6 km (12 in totale).

> Leggi anche: Andare in bici fa bene all’amore

Mountain bike: i percorsi al sud

§Un altro bel giro offroad in bicicletta si può fare dal lato opposto dell’isola, tenendo come base Santa Cruz e spingendosi a ovest. Si pedala per un totale di 64 km, con 2303 metri di dislivello positivo e 1690 in discesa. Si raggiunge il bosco di La Esperanza, a El Rosario, e si prosegue in salita sulla pista forestale di Los Ovejeros fino Las Lagunetas: qui ci si può fermare per una pausa snack prima di affrontare un muretto piuttosto ripido in terra battuta che offre un bel panorama sulla valle di Güímar. L’ultimo strappo è quello che porta all’osservatorio di Izaña, a 2.300 metri di altitudine.

> Leggi anche: Front o full: quale MTB scegliere?

Da questo punto comincia una lunga discesa di 25 chilometri che conduce fino a Las Cañadas, nel Parque Teide. È una strada che rimane negli occhi, con un paesaggio di sabbia nera vulcanica e ginestre bianche, colate di lava rossa, boschi fittissimi e cielo abbagliante. Da lì si può tornare a Santa Cruz o allungare fino a Villa de Arico per un meritato pasto.

Tenerife mountain bike - foto Ciaocanarie/TYoutube

Anche la zona nordoccidentale è una mecca per la mtb: si può esplorare l’area verde e poco abitata tra la costa e i monti Anaga. Tenendo come riferimenti Santa Cruz a sud e Punta del Hidalgo a Nord, si può attraversare tutta l’area fra boschi, corsi d’acqua e splendide vedute della costa, fino alla cappella de la Inmaculada Comcapciòn a Chamorga, da dove si può solo proseguire a piedi.

> Leggi anche: Il bellissimo post di Paolo Kessisoglu sul perché andare in bicicletta ha a che fare con la libertà e la felicità

©RIPRODUZIONE RISERVATA