Lanzarote Wine Run, corsa e trekking fra vulcani e vino

Lanzarote Wine Run: foto LWR

Fra le corse più suggestive e divertenti c’è sicuramente la Lanzarote Wine Run. Si tratta di una gara che si snoda lungo l’isola delle Canarie, fra mare, vigneti e gli impressionanti panorami lunari di questa terra. L’edizione 2017 si tiene nei giorni 17 e 18 giugno. Può essere una scusa fantastica per fare un viaggio in uno dei paradisi mondiali dell’outdoor. E se siete già da quelle parti, non perdetevela.

> Leggi anche: Come (e quanto) correre per dimagrire

Che cos’è la Lanzarote Wine Run

L’idea di base è un po’ quella delle corse sdrammatizzanti, come la Color Run o la Strongman Run. Innanzitutto è una corsa adatta a tutti, perché prevede due percorsi: uno, più duro, da 23 chilometri e uno da 12 chilometri, in cui si può sia correre che camminare. Chi ama le competizioni ha di che soddisfarsi, così come la famiglia che può approfittare per fare un trekking.

> Leggi anche: Scarpe da running: le migliori novità per correre nella primavera estate 2017

Lanzarote Wine Run: foto LWR

Dove si corre

La zona delle Lanzarote Wine Run è La Geria, un’area protetta di 5200 ettari popolata di vulcani, deserto lavico, valli punteggiate di palme solitarie, fattorie del XVIII secolo e soprattutto vigneti in cui si produce il vino bianco doc caratteristico dell’isola (qui il sito ufficiale per tenere d’occhio il programma). Per la sua fragilità, La Geria nel 1993 è diventata Riserva della Biosfera Unesco, per la perfetta simbiosi tra uomo e ambiente, che va preservata. Correre qui dunque è un’esperienza unica, che va al di là dello sport o della difesa della natura.

> Leggi anche: Le passeggiate fanno bene all’umore quanto la corsa

 

Cibo e vino

La Lanzarote WineRun fa parte del progetto Save La Geria, per promuovere la zona presso i turisti coinvolgendoli nelle attività agricole e culturali e aiutando gli isolani a tutelare l’ecosistema. Si corre o cammina toccando una serie di bodegas, le cantine vinicole, e queserias (caseifici): la corsa è quindi anche un’occasione per assaggiare i prodotti locali, chiacchierare con i locali, capire meglio il territorio. E divertirsi: i due giorni della gara prevedono concerti, degustazioni, cene, giochi, spettacoli vari.

> Leggi anche: Strada del Vino dell’Alentejo, i consigli per camminare e degustare

Il Trekking

I 23 chilometri (o i 12) possono diventare lo spunto per un trekking al di là della Lanzarote Wine Run. Si cammina su un territorio abbastanza pianeggiante, con qualche dolce saliscendi fra le distese di viti. Il contrasto fra il verde delle piantagioni e il nero vulcanico del terreno è un piacere per l’occhio, che ti trasporta in una sorta di ambiente extraterrestre. Per affrontarlo servono scarpe da trekking (leggi qui i consigli su come sceglierle), un cappello e la crema solare per proteggersi dal sole e uno zaino contenente scorte di acqua, anche se lungo la strada ci sono le bodegas per fare rifornimento

> Leggi anche: Escursioni con i bambini: 6 consigli per i trekking in famiglia

©RIPRODUZIONE RISERVATA