Il Giro della Sicilia in bicicletta vista mare

Ci siamo fatti raccontare dall'autore de “Il periplo della Sicilia in bicicletta” pubblicato da Terre di Mezzo Editore, come organizzare il giro della Sicilia in bicicletta

Giro della Sicilia in bicicletta

Se stai progettando il giro della Sicilia in bicicletta sarai contento di sapere che è stato presentato in questi giorni alla Fiera del Cicloturismo di Milano il libro di Giovanni Guarneri “Il periplo della Sicilia in bicicletta”, una nuova guida di Terre di Mezzo Editore con bellissime immagini e i QR code delle mappe scaricabili.
Il tour è molto allettante, milleduecento chilometri lungo la costa, più vicino possibile al mare, suddiviso in ventuno tappe alla portata di “tutti”, con soste in località dotate dei servizi necessari al cicloturista. La tappa più breve è di soli 25 km mentre la più lunga è di 75 km; non ci sono grandi salite, i passaggi più alti superano di poco i 300 m., ma quasi in ogni tappa non mancano diverse salite, salitelle o corti strappi tanto da portare il dislivello complessivo della tappa più dura a 1.268 m. Ovviamente, ciclisti allenati possono unire due o più tappe; è anche possibile spezzare il periplo in 3 tronconi di 7 tappe ciascuno, e ritornare al punto di partenza utilizzando i treni che collegano Agrigento o Catania a Palermo.

Il Giro della Sicilia in bicicletta vista mare: la guida “Il periplo della Sicilia in bicicletta”

Tutto molto interessante, ma per saperne di più abbiamo fatto qualche domanda all’autore, Giovanni Guarneri, grande appassionato di cicloturismo e curatore del sito web www.ciclabilisiciliane.com.

Giro della Sicilia in bicicletta

Innanzitutto Giovanni ci spiega che le piste ciclabili in Sicilia sono una novità con poche, bellissime, ciclabili di recente realizzazione; tuttavia sull’isola esiste una rete di strade e stradine secondarie asfaltate che sono pochissimo trafficate. Il Periplo della Sicilia percorre in gran parte queste strade secondarie, quasi sempre vicino al mare, con traffico scarso o nullo, ideali per il turismo in bicicletta. In alcuni casi si seguono brevi sterrati mentre, quando le mappe indicano strade principali, queste sono a bassa intensità di traffico. Per evitare i tratti più trafficati, nella guida e sulle mappe scaricabili, vengono sempre indicate delle alternative.

Sono riportate, per ogni tappa, indicazioni su cosa vedere, dove richiedere informazioni turistiche, riferimenti per assistenza tecnica alle bici, strutture ricettive per cicloturisti oltre a molte altre curiosità “a portata di pedale”. Un capitolo a parte meritano le eccellenze enogastronomiche della Sicilia, dallo street food, ai dolci, ai prodotti locali del mare e della terra che sono opportunamente citate nel libro con alcune dritte che, da sole, meritano il viaggio.

Chi ama portarsi dietro la tenda potrà dormire nei numerosi campeggi lungo la costa o nei pressi di molti agriturismi che dispongono di aree verdi. Per raggiungere la Sicilia con i mezzi pubblici con le proprie bicilette al seguito, si possono utilizzare le linee marittime, da Genova e da Napoli per esempio, oppure i treni e gli aerei dove però occorre smontare le bici e trasportarle in una apposita borsa. Si semplifica il tutto noleggiando sul posto una bici, muscolare o a pedalata assistita, idonea per il periplo.

Giro della Sicilia in bicicletta

Per il noleggio sul posto, per tutte le informazioni necessarie e per ottenere sconti nelle strutture convenzionate richiedere il Periplo Pass sul sito www.periplodellasicilia.com.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche...

Nessun Tag per questo post