Olimpiadi invernali Pyeongchang 2018, trekking all’Odaesan National Park

Odaesan_National_Park_0

Il 2018 è l’anno delle Olimpiadi invernali che sono in programma dal 9 al 25 febbraio a PyeongChang in Corea del Sud, un paese che oltre ad ospitare la manifestazione olimpica offre moltissimi luoghi immersi in una natura di incredibile bellezza. Il territorio, prevalentemente montuoso ne fa un paese ricchissimo di parchi naturali e dove il trekking è ovviamente una delle attività principali da praticare. Tra i tanti parchi nazionali l’Odaesan National Park, situato nella provincia di Gangwon-do, molto vicino agli impianti olimpici, è una zona ideale per fare escursioni immersi nella natura.
>>Leggi anche: In Corea del Sud ci si cura con le foreste

Pubblicità

Odaesan_National_Park_2
Un ‘paradiso’ per gli escursionisti

L’Odaesan National Park è circondato da cinque picchi, la cui cima più alta è rappresentata dal Birobong Peak (1.563 metri), alla quale si aggiungono Horyeongbong (1560 mt.), Noinbong (1338 mt.), Maebong (1173 mt.), Durobong (1422 mt.) e Dongdaesan (1434 mt). Gli escursionisti e gli appassionati di trekking possono attraversare la splendida valle del Mureunggye, le cascate e le foreste di abeti, tassi e querce mongole e dove è facile scorgere caprioli e cinghiali. All’interno di questo parco sono presenti anche due bellissimi templi buddisti (Sangwonsa e Woljeongsa) che si trovano vicino all’ingresso sud-ovest del parco.


>>Leggi anche: Camminare nella natura fa bene anche alla mente

Escursioni da un giorno

I principali itinerari si possono fare in una giornata. Sentieri ben tenuti e ben segnalati e una volta arrivati in cima, cosa tra l’altro accessibile a tutti, la vista panoramica è di quelle da togliere il fiato. Tra i tracciati sicuramente alla portata di tutti c’è quello che da Sangwonsa porta in cima al Birobong (6 km / 2-3 ore)
Il sentiero inizia a Sangwonsa e dopo 1,5 km ben tracciati si raggiunge il luogo dove sorge il tempio omonimo. Da qui altri 1,5 km si salita un po’ più ripida portano al punto più alto del parco, la vetta del Birobong. In inverno la prima parte viene abbastanza ‘curata’, mentre nella seconda è possibile trovare neve non battuta quindi sono necessari scarponcini adatti.


>>Leggi anche: Scarpe da trekking: come sceglierle

In treno o autobus da Seoul

Gangneung è il punto di accesso principale per l’Odaesan National Park e può essere raggiunto da Busan e Seoul sia in treno che in autobus. Una volta arrivati occorre prendere un altro autobus che porta a Jinbu e da lì ancora un altro mezzo per Woljeongsa che si ferma al villaggio di Minbak, punto di ingresso sud-ovest al parco e dove è anche possibile trovare comodi alloggi. Per raggiungere il punto di partenza del sentiero da Sangwonsa, occorrono ancora 50 minuti di viaggio in autobus.

>>Leggi anche: 5 fantastici parchi naturali da visitare in Europa

Un paese da scoprire

Utile come sempre informarsi sui luoghi, sulla storia e sulla cultura del Paese che andiamo a visitare. In questo caso due proposte: la guida di Lonely Planet, “Korea” (in inglese), così come il numero di Meridiani dedicato alla Corea del Sud.

 

[photo credits: visitkorea.or.kr, belltravel.it, redbubble.net]

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità