Valchiavenna: riaperto il sentiero del Tracciolino, anche per le mountain bike

Le gallerie scavate nella roccia lungo il sentiero del Tracciolino.

Il sentiero del Tracciolino, lo spettacolare tracciato affacciato sulle Val Codera e Valle dei Ratti, all’imbocco della Valchiavenna, ha finalmente riaperto, anche al transito delle mountain bike. Il percorso, che era stato chiuso per la messa in sicurezza di alcuni dei suoi tratti più esposti, è amatissimo dagli escursionisti sia a piedi che in bicicletta per i suoi panorami mozzafiato e a strapiombo su uno degli ultimi angoli di bellezza selvaggia e aspra e per il suo valore storico.

Il tracciato venne infatti aperto 80 anni fa, negli anni Trenta del Novecento, come infrastruttura di servizio per il trasporto delle merci e di collegamento tra due dighe, una in Val Codera e l’altra in Val dei Ratti: la lunghezza complessiva del sentiero del Tracciolino è di circa 14 km, ma al momento sono solo 8 quelli messi in sicurezza e percorribili anche dalle mountain bike: è il tratto più spettacolare, quello da Novate Mezzola a San Giorgio, caratterizzato da gallerie scavate nella roccia e da una decauville, lo storico binario per il trasporto delle merci.

Il tratto del sentiero del Tracciolino appena riaperto si snoda pressoché in piano, ma nonostante l’assenza di dislivello non è una semplice pista ciclabile: è completamente sterrato, ha un’ampiezza che varia da 4 metri e poco più di un metro e presenta alcune difficoltà tecniche da saper affrontare in sella a una mountain bike.

Per questo motivo è opportuno osservare scrupolosamente le indicazioni riportate sui cartelli segnalatori posizionati lungo il percorso e leggere il regolamento prima di cominciare l’escursione.

Il punto di partenza ideale è a Novate Mezzola, dove c’è il parcheggio per la spiaggia del Lago di Mezzola e da dove si può imboccare la strada che superando il Codera porta all’imbocco del sentiero per San Giorgio.

Per il materiale informativo sul sentiero del Tracciolino si può fare riferimento alla Comunità Montana della Valchiavenna.

©RIPRODUZIONE RISERVATA