Acquatrekking nei fiumi e torrenti: cos’è e dove si può fare in Italia

Sì, nella smania di dare un’etichetta a tutto c’è anche l’acquatrekking. Ma è una pratica molto emozionante, divertente, salutare e tonificante.  in sostanza si tratta di scendere i fiumi e i torrenti usando diverse tecniche. più semplicemente, avventure sul fiume. In Italia c’è chi le organizza. Ma scopriamo di più.

 

Che cos’è l’Acquatrekking

L’Acquatrekking non è da confondere con il water trekking, che è una pratica fitness che si fa in piscina, correndo in acqua su un apposito tapis roulant, con lo scopo di tonificarsi e perdere peso velocemente.
No, qui stiamo parlando di un modo di viaggiare, di esplorare la natura, che è stato inventato, o meglio codificato nel 2011 da alcune guide escursionistiche.

Prevede tratti a piedi dentro e fuori dall’acqua, momenti di canyoning, discese del fiume galleggiando con il giubbotto di salvataggio e passando per canyon, forre, cascate, pozze e pareti rocciose.

>> LEGGI ANCHE: In canoa sul Tirino, il fiume più pulito d’Europa

 

ACQUATREKKING-POLLINO

 

Come e dove è nato l’Acquatrekking

I primi a proporlo furono le guide che lavoravano sul fiume Verdon in Provenza, nient’altro che muoversi fuori e dentro i fiumi per conoscerli meglio e divertirsi.Serviva un nome, così ne trovarono tre: ‘Acqua Rando’ (passeggiate), ‘Escursione Acquatica’ e, appunto, Acquatrekking.

 

>> LEGGI ANCHE: 4 motivi per portare i bambini all’avventura nella natura

 

Come si pratica l’Acquatrekking

L’Acquatrekking è un’attività facile, piacevole e alo stesso tempo fisicamente dinamica ma rilassante. Perché si cammina, si salta, si nuota nella corrente e ci si lascia andare facendosi cullare dal fiume. È adatta a tutti e porta alla scoperta di corsi d’acqua e torrenti in angoli e tratti che altrimenti non si potrebbero esplorare dalla riva.

>> LEGGI ANCHE: I migliori fiumi dove fare rafting in Italia

 

Come ci si veste per fare Acquatrekking

Dal punto di vista dell’abbigliamento servono mute, caschi, stivali impermeabili e giubbotto di salvataggio, a cui provvedono gli enti che organizzano le escursioni. Obbligatori i calzini. Ed è consigliato un ricambio dei vestiti.

>> LEGGI ANCHE: Come si prepara lo zaino

 

ACQUATREKKING-POLLINO-CASCATA

 

 

Dove fare Acquatrekking in Italia

In Francia, come abbiamo detto si possono fare escursioni acquatiche lungo il fiume Verdon e le sue gole. In Italia si possono fare percorsi combinati di canyoning, passeggiate fluviali e rafting, ma chi ha puntato su esperienze complete di di Aquatrekking sono le guide del Parco Nazionale del Pollino in Calabria.

La A.S.D. Pollino Discovery organizza diversi percorsi, dalla base di viggianello (Potenza), uno facile e uno più impegnativo, ‘nel pieno rispetto della flora e della fauna fluviale’.
Sono giri di un’ora e mezza (il primo ) e tre ore (il secondo, riservato ai maggiori di 14 anni), da fare in gruppo.

Una bella idea che ci ricorda le esperienze emozionanti organizzate da un gruppo  di appassionati lungo il fiume tirino, il più pulito d’Europa. E un bel modo per rivalutare le meraviglie naturali ancora poco conosciute del Sud Italia.

>> LEGGI ANCHE: Stare nella natura è il segreto della longevità

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *